Ecco la leggenda di «Bob Wind»

Un film racconta la storia del folle e creativo regista Roberto Cimetta

Pierpaolo De Mejo

Il genio e il talento spesso cadono nel dimenticatoio, apprezzati a distanza di anni, quando i tempi sono maturi. È il caso di Roberto Cimetta, uomo di teatro folle e creativo, morto giovanissimo negli anni '80 dopo aver ispirato una generazione di artisti. Attore, regista e autore, nelle sue attività teatrali Cimetta riesce sempre a coinvolgere l'intera comunità: dai bambini disabili agli studenti, dal teatro delle piazze alla creazione di Festival (L'Inteatro di Polverigi, L'Internazionale di Lisbona), all'Itc Teatro di San Lazzaro di Savena. Di anni dalla sua scomparsa ne sono passati quasi 30, e Dario Migianu Baldi (regista romano classe '76) ha girato un film sulla sua vita: La leggenda di Bob Wind, scritto dallo stesso Baldi con Alberto Nucci Angeli e Elena Casaccia. La storia: Anna, giornalista italofrancese, molla tutto per mettersi sulle tracce di una storia che potrebbe far luce sul suo passato. Arrivata in Italia, inizia le ricerche su Cimetta. Conoscerà il figlio di Roberto, grazie al quale darà un senso alla sua storia. «L'azione più grande di Cimetta è stata quella di creare comunità - dice Baldi - di essere un mezzo di comunicazione per gruppi di persone che con lui hanno condiviso il coraggio di osare e creare. Se solo uno degli spettatori riconoscerà dentro sé una rinnovata voglia di provarci, di creare qualcosa di piccolo o la più folle delle imprese, allora sì, la storia di Roberto sarà servita una volta in più». Nel cast Lavinia Longhi, Corrado Fortuna, Ivan Franek, Paolo Briguglia e Silvia Salvatori. Suggestivi i temi musicali di Giordano Corapi e la fotografia di Timoty Aliprandi.

Commenti