Ed Sheeran: "Bullizzato a scuola per i capelli rossi"

Il cantautore britannico ha rivelato di essere stato vittima di bullismo a scuola, soprattutto da piccolo, alle elementari, dove era sempre preso di mira

In una intervista esclusiva al tabloid inglese "The Sun", Ed Sheeran ha rivelato quanto odiasse "la scuola elementare. Piangevo tutti i giorni per non andarci, ma i miei genitori non mi hanno mai ascoltato né credevano ai miei racconti. Pensavano fosse tutta una scusa perché mi ritenevano pigro e svogliato. Invece ero la vittima preferita dei bulli per via dei mie capelli rossi, i miei grandi e strani occhiali da vista e per la mia balbuzie dovuta alla mia timidezza perché non avevo amici".

Visibilmente commosso al ricordo di quegli anni difficili, il cantautore inglese ha raccontato che “ho preso calci, pugni, mi afferravano per i miei capelli e tante volte mi hanno rotto i grandi occhiali da vista che portavo che, in effetti, avevano una forma un po’ strana e per nulla trendy. Non li avevo mica scelti io, ma mia madre perché secondo lei mi donavano. Era prò convinta che a me non piacessero e che, quindi, ero io a distruggerli, invece erano i bulli”.

Infine, ha aggiunto: “Da ragazzino non ho mai avuto molta successo con le ragazze perché ero considerato da tutti “quello strano del quartiere”. Poi quando sono diventato più grande alla fine mi sono accettato, anzi oggi adoro i miei capelli rossi perché sono fuori dal comune. Ancora oggi indosso occhiali dalla montatura sempre un po' particolare perchè ho capito che, in fondo, essere stato quello “strambo” mi ha aiutato nella mia carriera, nutrendo la mia sensibilità artistica. E ancora oggi mi piace un sacco essere bizzarro!”

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.