Ferragni, l'arte dell'influencer

Probabile si tratti di un benefico effetto collaterale il + 24% di visitatori accorsi agli Uffizi lo scorso weekend (e tra questi il 27% sono giovani under 25), un boom derivato secondo gli esperti di comunicazione dall'arrivo di Chiara Ferragni

Probabile si tratti di un benefico effetto collaterale il + 24% di visitatori accorsi agli Uffizi lo scorso weekend (e tra questi il 27% sono giovani under 25), un boom derivato secondo gli esperti di comunicazione dall'arrivo di Chiara Ferragni, ospitata dal direttore Eike Schmidt, che non ha esitato a paragonare (esagerando) l'imprenditrice digitale e influencer all'ideale di bellezza rinascimentale espressa da Sandro Botticelli. Intendiamoci: è benemerito chiunque riesca a diffondere cultura e arte nel pubblico più giovane, anche se non credo che dopo un post della Ferragni tutti i suoi fan diventeranno studiosi del Rinascimento, come auspica Matteo Renzi. Con minor clamore, e con un prodotto a mio avviso ben più interessante, qualche settimana fa Mahmood ha ambientato il video del nuovo singolo, Dorado, al Museo Egizio di Torino. C'è comunque da considerare che l'utente medio del museo è avanti con l'età, che nei prossimi mesi si ridurranno le scolaresche e le file di turisti, che dunque sarà necessario inventare altre strategie per portare nuovo pubblico. Invece di accapigliarsi in dibattiti di basso profilo che altro non fanno se non rivelare lo stato di pessima salute dell'accademismo culturale in Italia, bisogna intanto dire grazie a Chiara, al marito Fedez abilissimo a riprendere le polemiche, a Mahmood con scelte per nulla scontate. Con buona pace dei professori del distinguo, come Tomaso Montanari: se non piace a lui, peraltro, vuol dire che va bene. Il fenomeno «Ferragnez» va però interpretato come una concausa. I contagi scendono, la paura anche, qualche timido turista si affaccia a Firenze, i ragazzi hanno tanto tempo libero e possono usarlo per scoprire i tesori della propria città, insomma è davvero auspicabile che il numero dei visitatori nei musei italiani e nelle mostre sia in crescita, seppur contingentata. Però è indubbio che l'effetto si sia visto e allora si può cominciare a ragionare su diversi investimenti nella comunicazione. Bisognerebbe convincere Cristiano Ronaldo, il più seguito del mondo su Instagram, a visitare i Musei Vaticani, Kim Kardashian, Selena Gomez, Ariana Grande, Beyoncé a postare qualche opera d'arte sui loro profili. Non hanno standing intellettuale? Non mi risulta lo avessero neppure i turisti del pranzo al sacco scaricati da torpedoni inquinanti. Bando ai moralismi stucchevoli dunque, e che la macchina riparta presto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

SPADINO

Mar, 21/07/2020 - 17:21

SE DECIDO DI ANDARE AL MUSEO NON CI VADO PERCHE' LA FERRAGNI SI E' FATTA FOTOGRAFARE IL QUEL LUOGO.

Ritratto di Leonardo78

Leonardo78

Mar, 21/07/2020 - 17:22

Trascinare ragazzini che si fanno un selfie davanti al Tondo doni non aiuta l'arte, aiuta il business che ci sta dietro, serve a vendere i biglietti. A mio avviso è un'operazione che svilisce l'arte che va coltivata e appresa, va a braccetto con la cultura. Chi scegli di pubblicizzare un balsamo si fermi lì.

Iacobellig

Mar, 21/07/2020 - 19:57

Una vergogna per i valori d’arte la visita di una ignorantella del genere. Dare spazio a questo soggetto significa elevare l’ignoranza.