Funerali di Diana: Carlo fu un problema di sicurezza

Il Principe Carlo ha ricevuto minacce di morte dopo la scomparsa di Lady Diana: ecco perché e come la presenza dei figli lo mise in salvo

Funerali di Diana: Carlo fu un problema di sicurezza

Il Principe Carlo dovette affrontare dei rischi durante il funerale di Lady Diana?

Come riporta l’Express, il documentario Netflix “The Royals” evidenzia come ci sia stato un problema di sicurezza per il Principe di Galles in quell'occasione.

La Principessa Triste perse la vita il 31 agosto 1997, mentre sfuggiva ai paparazzi, in un tragico incidente stradale nel tunnel dell’Alma a Parigi, in cui furono coinvolti e morirono anche l’autista Henri Paul e il fidanzato della donna Dodi al Fayed. Si trattò di una grave fatalità, tuttavia in molti amavano Lady D e incolparono Carlo per quello che le era successo.

La giornalista Ingrid Seward ha raccontato che, in quell’occasione, Carlo ricevette delle minacce di morte e Andrew Morton ha spiegato come a Palazzo ci fossero timori di essere presi d’assalto per la morte della Principessa. Durante l’organizzazione del funerale, che si tenne il 6 settembre successivo, ci furono numerose conversazioni sul tema tra Downing Street - dove si trova l’abitazione del Primo Ministro - e Buckingham Palace. Secondo le autorità non sarebbe accaduto nulla al Principe ereditario, ma solo se i figli, il Principe William e il Principe Harry, fossero stati con lui dietro al feretro. Il rancore e l’amarezza che seguirono tra i sudditi il divorzio tra Carlo e Diana erano ancora molto vivi. E infatti i principini alla fine presero parte al funerale insieme al padre e accompagnati dal fratello di Diana, il conte Charles Spencer.

Carlo e Diana si sposarono nel luglio 1981 e si separarono a dicembre 1992, finendo per divorziare ad agosto 1996.

Negli anni ’90 emersero dei dettagli scabrosi sull’amore che Carlo ha sempre nutrito per la sua attuale moglie, Camilla Parker Bowles, sposata nel 2005. Per questa ragione, alcuni sudditi incolparono il Principe per una tragedia per la quale, tuttavia, non aveva nessuna responsabilità.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica