Giacomo Urtis: "Tra me e Tommaso Zorzi? C'è attrazione mentale"

Il concorrente della quinta edizione del reality di Alfonso Signorini racconta del suo percorso all’interno della Casa, del desiderio di diventare padre e del rapporto con la chirurgia estetica

Giacomo Urtis: "Tra me e Tommaso Zorzi? C'è attrazione mentale"

Giacomo Urtis si è contraddistinto nella casa del Grande Fratello Vip per il suo carattere divertente ed eccentrico. Entrato come ospite, l’ex isolano ha lasciato il segno, tanto che in molti non si aspettavano la sua eliminazione.

Un’eliminazione che, a detta sua, se avesse avuto modo di raccontare prima la sua storia non ci sarebbe mai stata. Il suo, infatti, è un vissuto davvero toccante, segnato dalla scoperta del suo orientamento sessuale e dal complicato rapporto con il padre, che ancor’oggi non riesce ad accettare la verità. Una situazione che, insieme ad altri eventi, lo hanno persino portato a credere di essere ‘sbagliato’, spingendolo così a ricorrere più e più volte alla chirurgia estetica – cosa della quale però non si dice affatto pentito.

Sta di fatto che oggi Giacomo si sente una persona nuova, in pace con se stesso, e pronto per un nuovo capitolo della sua vita: avere un figlio. Ed in questo magari sarà proprio la sua grande amica Dayane ad aiutarlo!

Perché hai deciso di partecipare al Grande Fratello Vip?

"Diciamo che il Grande Fratello mi è sempre piaciuto, senza parlare che vi hanno partecipato tantissime persone che conosco. Era un modo per mettermi alla prova e per vedere se riuscivo a convivere con gli altri sotto uno stesso tetto, senza tutte le mie comodità quotidiane – io sono infatti un cellulare dipendente! Senza contare che sono abituato ad avere a casa una cameriera. Quindi ritrovarmi a dover fare tutto da solo in casa e ad interagire con persone diverse, era per me davvero una bella prova! Confesso però che negli anni ho fatto più volte il provino per il Grande Fratello e quest’anno è stata finalmente la volta giusta!".

Non hai mai avuto problemi con nessun concorrente?

"Direi di no, ma non nascondo che ci sia stata qualche discussione in occasione delle nomination. Ci sono rimasto male infatti quando Selvaggia Roma, che tra l’altro è una delle mie migliori amiche fuori dal Gf, ha fatto il mio nome quando le è stato chiesto chi volesse vedere uscire dalla Casa. Poi però abbiamo chiarito ed oggi è tutto come prima!".

Il pubblico ha notato un tuo interesse sospetto all’interno della Casa nei confronti di Tommaso. Ti senti davvero attratto da lui?

"Tommaso è un mio carissimo amico da almeno 15 anni e proprio per questo motivo non l’ho mai visto come un possibile fidanzato. All’interno della Casa però, forse perché eravamo sempre insieme h24 e lui era l’unica persona dichiaratamente omosessuale, è successo che a Selvaggia Roma ho raccontato che mi sembrava un bel ragazzo. Questa mia confidenza ha poi fatto il giro della Casa e ha preso diverse e surreali sfumature, tanto da arrivare a parlare del Tommaso-Urtis gate. Non sono assolutamente innamorato di Tommaso, ma ricordo che mi divertiva chiedere a Selvaggia cosa pensasse Tommaso di tutto ciò".

Tommaso potrebbe avere le qualità che cerchi in un partner?

"Tommaso è un bel ragazzo, ma non è esattamente il mio tipo. Devo dire che però ha una bella testa, quindi potrebbe esserci magari attrazione mentale…".

Sappiamo che Dayane sarebbe disposta a fare un’inseminazione artificiale per esaudire il tuo desiderio di diventare padre, cosa ne pensi?

"Tra i miei tanti obiettivi c’è quello di diventare padre, spero a breve. Non escludo l’adozione, ma avere un figlio tutto tuo è di una bellezza indescrivibile. Ovviamente però essendo single e omosessuale è un po' difficile… Con queste parole Dayane mi ha stupito positivamente, lasciandomi davvero a bocca aperta. Il suo è un enorme atto di amore nei miei confronti, rappresentativo della profonda amicizia che ci lega. Sarebbe bellissimo fare un figlio con lei. Bisogna però capire bene come funziona a livello italiano… Potremmo andare in Spagna o in qualche altro Paese dove si può fare una cosa del genere".

Quando al Gf hai incontrato i tuoi genitori, sembra che tuo padre non accetti la tua omosessualità. Come vivi questa situazione?

"Amo mio padre da morire – con cui tra l’atro lavoro anche insieme – ma è una persona molto all’antica. Non mi ha mai detto che gli dà fastidio la mia omosessualità, ma è anche vero che non mi dice mai nulla a riguardo. Ed è proprio questo che mi ferisce e che mi turba, il suo continuo silenzio. Ad esempio, quando parliamo dei miei fidanzati, lui cambia discorso. Anche quando mi ha fatto la sorpresa all’interno della Casa infatti ha affrontato il discorso dal punto di vista della procreazione… Ma per quello risolverò con Dayane! Il fatto è che non è solo un problema di orientamento sessuale, ma anche di aspettative di vita risposte nei figli. Non è stato facile, anche perché all’epoca vivevo un una città di soli 30mila abitanti... Ho amato la ragazza con la quale sono stato per anni, ma sentivo di non essere totalmente me stesso perché avevo anche altri orientamenti sessuali. Così ho scoperto di essere bisessuale e lo sono ancora".

Qual è stato il gesto più forte che hai rivolto a tuo padre per aprirgli gli occhi sulla tua omosessualità?

"Direi quando, dopo essermi lasciato con la mia fidanzata, ho avuto dei flirt con delle persone famose. Mio padre lo ha scoperto dai giornali… Poi il gesto più forte è stato quando gli ho portato un fidanzato a casa. Anche dopo mesi, ricordo che lui lo continuava a chiamare amico, fin quando ho messo le cose in chiaro. Da quel momento, non ne voleva neanche sentire parlare e ancora oggi continua a chiedermi quando è che troverò una ragazza per sposarmi. Lui non vede, è come se si fosse costruito una sua realtà per non accettare questa situazione. D’altronde, con i suoi 75 anni, non lo posso biasimare… Certo, è una situazione che mi fa soffrire, ma non ne faccio certo una malattia".

Tua madre invece?

"Quando ero piccolo e parlavamo di orientamento sessuale mia madre era molto più dura e mio padre più soft. Quando poi mi sono dichiarato si è ribaltata la situazione! Oggi lei è la mia complice. Diciamo che per mia mamma sono stato un figlio maschio, una figlia femmina e un amico allo stesso tempo. Non ci siamo fatti davvero mancare niente!".

Peccato che la tua storia sia venuta fuori solo alla fine, non credi?

"Assolutamente, se fossi stato infatti ancora al televoto sicuramente dopo una storia così non sarei uscito, proprio perché c’è tanta gente che si rivede in me".

Come interpreti l’uscita di Samantha De Grenet quando ha usato il termine "regolare" per descrivere il matrimonio e la famiglia?

"Penso sia successo per via dell’ignoranza su determinati argomenti. Non si può parlare di vita ‘regolare’, nessuno sa quale sia! La normalità non esiste, è solo quello che la maggior parte delle persone fanno o dicono. Samantha credo che abbia la stessa mentalità di mio padre, all’antica. La compatisco, ma non mi arrabbio. Già all’Isola dei Famosi ci avevo litigato perché la credevo una stratega e lo penso ancora – come la sua idea di nominare i più vecchi della Casa così si fanno fuori tra di loro, ma devo dire che l’ho rivalutata e non escludo che tra di noi possa nascere una bella amicizia fuori dalla Casa".

Perché pensi che Francesca Cipriani abbia lanciato il gossip di un presunto con Mario?

"Era sotto gli occhi di tutti che tra me e Mario all’interno della Casa ci fosse davvero molto feeling. Così è capitato che un giorno, mentre facevo un’intervista telefonica a casa mia, la Cipriani ha citofonato. Quando il mio assistente le ha aperto la porta, lei mi ha sentito dire che con Mario c’era complicità e così scherzando si è intromessa nella conversazione canticchiando ‘Fiki fiki’. Lei d’altronde è un personaggio goliardico, scherzoso e non voleva assolutamente lanciare un gossip su questa vicenda. Per questo motivo la diffida che Mario le ha fatto secondo non se la meritava affatto".

Tra te e Mario c’è mai stato qualcosa?

"Assolutamente no, solo un’intesa pazzesca. Si ride, si scherza, sentiamo la mancanza l’uno dell’altro ma solo come fanno due grandi amici. Non nascondo però che mi piacerebbe lavorare con lui in futuro!".

Cosa ti ha spinto a fare così tanti interventi chirurgici?

"Sicuramente da un punto di vista psicologico la chirurgia estetica aiuta molto, è come un modo per voltare pagina dopo un evento che può capitare nella vita. C’è chi preferisce andare da uno psicologo per 5 anni di fila e chi invece dal chirurgo. Per me è stato un mix di cose: mio padre che non mi accettava, le mie relazioni che finivano sempre male, alcune particolari situazioni sul lavoro… Sentivo di essere una persona sbagliata e vedevo queste cose che non andavano bene in determinate caratteristiche estetiche del mio corpo".

C’è qualche intervento chirurgico che rimpiangi di esserti fatto?

"Assolutamente no, soprattutto perché ci ho riflettuto molto per tutti quelli che ho fatto. Sicuramente non ne voglio fare altri perché ne ho fatti già abbastanza. Oggi sto bene con me stesso e le cose sono migliorate, quindi non ne sento più la necessità".

Chi vorresti che vincesse questa edizione del Grande Fratello Vip?

"Dire Tommaso penso sia scontato... Togliendo lui, direi Dayane e poi Maria Teresa. Anche Zelletta devo dire che se la gioca, perché magari esponendosi di meno passa in sordina e alla fine va avanti nel gioco – proprio come sostiene anche Antonella Elia".

Ti piacerebbe continuare a fare televisione oppure preferiresti concentrarti solo sul tuo lavoro?

"Continuerò senza dubbio a fare il medico, ma proprio quest’anno ho iniziato a studiare recitazione e presto inizierò a girare una serie televisiva. Poi ovviamente, a me piace cantare, quindi una canzoncina in stile latino-americano non me la toglie nessuno! Se poi a scrivermela fosse proprio Malgioglio, faccio il boom!".

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

Commenti