Gué Pequeno: "Il successo della trap? Tutto è possibile. C’è Salvini al governo"

Per il rapper milanese il successo della trap tra i ragazzini, con i genitori che invece di stare attenti ai testi hard delle canzoni, li accompagnano ai concerti, è il segno di come in Italia tutto possa accadere

Gué Pequeno: "Il successo della trap? Tutto è possibile. C’è Salvini al governo"

Grazie ai ragazzini è diventato accettato e accettabile che nelle canzoni si parli di drog, fig*e e soldi. Quando lo facevamo coi Club Dogo, anni fa, ci insultavano. Adesso mi mettono in braccio i figli e mi dicono che sono fan. Il che va bene, perché i bambini fanno muovere il mercato, però se ascoltano roba che non va bene per loro sono un po’ ca**i dei genitori, non miei”.

Parola di Gué Pequeno che in una intervista a “Vanity Fair” commenta senza filtri il successo della trap tra i ragazzini, per nulla osteggiati dai loro genitori che spesso li accompagnano ai concerti dei loro idoli, nonostante i testi volutamente spinti delle canzoni. “Quando ero piccolo c’era la musica zarra, e si ascoltava quella. Adesso c’è la trap che è melodica, ma soprattutto ha tutta la sua estetica. Da cosa dovrebbe essere incantati i ragazzini, da Tiziano Ferro e Eros Ramazzotti? O da Sfera Ebbasta che è tutto colorato?”, si chiede il rapper milanese che vede una connessione tra l’affermarsi della trap tra i giovanissimi, con i suoi testi estremi dedicati a sesso, droga e soldi, e il clima socio-politico italiano. E ovviamente non poteva mancare un attacco al governo.

Questa rivoluzione che c’è stata coi ragazzini – spiega il giudice di “The Voice of Italy” - dimostra che nella vita tutto è possibile: Salvini al governo, un comico che fa un partito, Fedez che pare un genio...”.

Quanto a lui, a 38 anni, ammette che non è sempre facile intercettare il gusto dei "bambini che muovono il mercato”, e dichiara: “Io tengo duro... anche se non posso competere con i numeri che fanno quelli che piacciono ai teen. Capo Plaza, per dire, è cinque volte disco di platino, ma mia madre non l’ha mai sentito nominare”.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

Autore

Commenti

Caricamento...
Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento