Gwyneth Paltrow scatenata, dopo la candela osè arriva la "vagina gigante"

Per lanciare la serie tv Netflix dedicata ai suoi controversi workshop, tra orgasmi di gruppo ed esorcisimo, la diva ha posato davanti a una grande vagina realizzata con migliaia di fiori

Gwyneth Paltrow scatenata, dopo la candela osè arriva la "vagina gigante"

Dopo l'incredibile successo della sua candela dal nome "L'odore della mia vagina", venduta sull'e-commerce di Goop a 75 dollari ed andata esaurita in poche ore, con liste d'attesa per migliaia di altri clienti pronti a tutto per aggiudicarsi l'iconico feticcio, Gwyneth Paltrow si è mantenuta in tema per festeggiare la messa in onda da ieri su Netflix della serie tv "Goop Lab", con puntate tematiche dedicate a quanto avviene nei workshop organizzati dall'attrice-guru al costo di migliaia di dollari a persona.

Tra orgasmi di gruppo e persino esorcismi, la serie promette di far discutere per le stravaganti trovate new age mai supportate da riscontri scientifici. Ma poco importa. Da blog aperto nel 2008 per parlare di benessere e lifestyle, Goop si è trasformato in pochi anni in un'azienda che fattura milioni di dollari,con la Paltrow sempre più guru e sempre meno impegnata nella recitazione.

Così ieri per lanciare la sua serie ha fatto allestire con dei fiori in varie nuance di rosa una gigantesca vagina da dove è uscita prima lei per salutare la stampa in sala e poi tutta la troupe che ha lavorato alla serie tv lanciata su Netlix. In top e pantaloni bianchi, Gwyneth ha cavalcato l'onda del successo della sua candela dal nome decisamente hot, proponendo questa volta non il supposto odore della sua vagina sotto forma di candela, ma drettamente una vagina in versione maxi.

D'altronde il sesso, inteso come di coppia, di gruppo o autoerotismo è uno dei grandi must di Goop che ha workshop e prodotti pensati per una vasta clientela che si affida alle metodologie non ortodosse se non stravaganti proposte dall'attrice, diventata ricchissima non grazie al cinema ma grazie a queste strambe trovate che hanno un loro pubblico fidelizzato.

Ieri Gwyneth Paltrow, dopo aver posato felice e divertita davanti a dei genitali femminili realizzati con migliaia di fiori, ha tenuto una proiezione speciale della sua serie Netflix per la stampa, presentando sei spezzoni da altrettante puntate, tra cui quello in cui sua madre, l’attrice Blythe Danner, esibisce una "Vampire face", il pericoloso trattamento reso celebre da Kim Kardashian e quello in cui un membro dello staff guaritori di Goop si infilava fili di metallo nelle guance per stimolare il collagene.

Gwyneth, che è sposata con il produttore Brad Falchuk, ha dichiarato ieri in conferenza stampa, come riporta Metro UK, di accogliere "con ironia e distacco" le critiche mosse al suo Goop, anche anche se le attribuisce in larga scala al "sessismo, dato che io e il mio team lavoriamo per la liberazione delle donne da ogni preconcetto culturale, soprattutto nel campo della sessuologia".

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

Commenti