Matteo Salvini contro Amadeus: "Junior Cally non a Sanremo!"

In un nuovo tweet condiviso con i follower, Matteo Salvini ha silurato il rapper capitolino Junior Cally, il quale è ora accusato di essere interprete di canzoni sessiste

Matteo Salvini contro Amadeus: "Junior Cally non a Sanremo!"

Manca poco all'inizio della settantesima edizione del Festival di Sanremo. E, intanto, si sono già sollevate delle prime polemiche, giunte in particolare da chi critica la condotta assunta dal neo direttore artistico della kermesse ligure, Amadeus. Nelle ultime ore, fa discutere molto la scelta maturata dal volto Rai di ammettere alla gara di Sanremo la partecipazione di Junior Cally.

Sul conto del rapper capitolino e classe 1991, vengono ora fortemente contestati dei versi di alcune sue canzoni, ritenuti crudi e sessisti. E, in merito alla sua partecipazione prevista a Sanremo, ha voluto dire la sua il leader della Lega, Matteo Salvini, in un intervento a Non è l'arena (talk condotto da Massimo Giletti su La7, ndr).

"Mi vergogno di quel cantante - ha scritto l'ex ministro dell'interno in un nuovo tweet, che rimanda al suo messaggio lanciato da Giletti, circa la polemica esplosa su Cally - che paragona Donne come troie, violentate, sequestrate, stuprate e usate come oggetti. Lo fai a casa tua. Non in diretta sulla Rai e a nome della musica italiana. #nonelarena@nonelarena".

Oltre al leghista, anche il presidente della Rai, Marcello Foa, si è espresso in modo critico sul conto del rapper. Tanto da chiederne la sua estromissione dal Festival. Sanremo 2020 verrà trasmesso su Rai 1 dal 4 all'8 febbraio e alla conferenza stampa dell'evento - tenutasi lo scorso 14 gennaio - Amadeus, aveva rilasciato delle discutibili dichiarazioni - ritenute da molti "sessiste" - sulle "vallette" ingaggiate in casa Rai come sue collaboratrici del Festival.

"Ovviamente sono tutte molto belle", aveva fatto sapere, per poi spendere ulteriori parole d'elogio su una valletta in particolare, Francesca Sofia Novello, che è l'attuale compagna di Valentino Rossi. "Sono contento- aveva aggiunto, sottolineando le "virtù" della neo-valletta, tra cui la capacità di stare "un passo indietro" al pilota di MotoGp e compagno di vita-. È stata scelta da me perché - intanto la bellezza - ma vedevo la capacità di stare vicino a un grande uomo. Stando un passo indietro; malgrado la sua giovane età è una modella promettente destinata ad avere un grande successo". Parole, quest'ultime, che, ad oggi e com'era prevedibile che accadesse, hanno indignato molti esponenti politici, vip e non solo.

Commenti