Cultura e Spettacoli

Justin Bieber ossessionato da Ryan Gosling

Dopo essersi tatuato il viso, Justin Bieber ha pubblicato sul suo profilo Instagram due foto di Ryan Gosling tratte dal film Come un tuono. L'attore potrebbe essere il nuovo modello di ispirazione del cantante

Justin Bieber ossessionato da Ryan Gosling

L’idolo della teenager Justin Bieber è sempre alla ricerca di nuovi look per stupire le sue fan; ultimamente il suo modello di ispirazione sembra essere l’attore Ryan Gosling.

Come Gosling in uno dei suoi ultimi film dal titolo “Come un tuono”, il cui titolo originale è “The Place Beyond the Pines”, Bieber si è fatto realizzare un tatuaggio di una piccola croce nera sotto l’occhio destro. Il selfie pubblicato una settimana fa sul suo profilo Instagram non è passato inosservato, registrando 1,6 milioni di "Like" e quasi 43mila commenti. Inizialmente la scelta di tatuarsi il viso era stata motivata con un profondo sentimento religioso, come aveva raccontato in un’intervista il suo stesso tatuatore ma oggi, alla luce delle ultime foto pubblicate da Bieber sul suo profilo Instagram, sembra che ci sia dell’altro.

Ieri il cantante ha infatti postato due foto di Ryan Gosling tratte dal sopraccitato film “Come un tuono”. Nella pellicola, Gosling interpreta un pilota di motociclette che per mantenersi compie rapine in banca fuggendo a tutta velocità a bordo della sua moto e che improvvisamente scopre di essere padre di un bambino, nato da una relazione occasionale. Il look da rider vissuto ha colpito molto Bieber, che ha voluto rendergli omaggio tatuandosi il viso e condividendo sui social gli scatti in questione, accompagnati dal testo “What a beast”, "Che bestia", in italiano.

Così facendo, Bieber ha dimostrato pubblicamente di provare un certo apprezzamento ai limiti dell’ossessione verso il look da cattivo ragazzo di Gosling. I due sarebbero uniti anche da un legame di parentela: secondo la ricostruzione fatta dal sito Ancestry.com nel 2012, Bieber e Gosling sarebbero infatti cugini alla lontana, di undicesimo grado.

Commenti