Justin Bieber scrive ai fan e ammette i suoi errori: "Droghe a 19 anni"

Justine Bieber è ormai adulto ed è marito, i tempi degli eccessi sono finiti per l'ex bambino prodigio del pop arrivato improvvisamente al successo a 13 anni. In una lunga lettera ai fan spiega il suo percorso di redenzione

Sembrano essere molto lontani i tempi degli eccessi per Justin Bieber, che negli ultimi anni ha intrapreso un percorso di fede molto profondo. I suoi video in cui si cimenta come pastore di anime su Instagram sono virali e nelle interviste rilasciate il cantante parla spesso del suo rapporto con Dio e di come questo lo abbia salvato.

Ormai adulto e sposato, Justin Bieber sembra aver definitivamente messo da parte la vita sregolata del passato anche grazie al matrimonio e all'avvicinamento alla fede ed è in questo percorso di cambiamento che probabilmente si inserisce la lunga lettera scritta ai fan e condivisa su Instagram. Il successo e i soldi arrivati così presto nella vita del cantante hanno minato la sua adolescenza. Dietro le luci dello spettacolo, spesso i personaggi nascondono dei drammi e dei problemi e anche Justin Bieber ha passato dei momenti di crisi. “È difficile alzarsi dal letto la mattina con l’atteggiamento giusto quando si è sopraffatti dalla propria vita, dal proprio lavoro, dalle proprie responsabilità, dalle proprie emozioni, dalle proprie finanze, dalle proprie relazioni. Quando sembra che ci siano problemi dopo problemi. Inizi a prevedere la giornata terribile che arriverà e anticipi un’altra brutta giornata. Un ciclo di sentimenti negativi, delusione dopo delusione”, scrive il ragazzo nel suo sfogo, durante il quale fa una dichiarazione molto forte: “A volte puoi persino arrivare al punto in cui non vuoi nemmeno più vivere, dove pensi che non cambierà mai nulla. Non riuscivo a cambiare la mia mentalità.

Nella sua lunga lettera aperta ai fan, Justin Bieber spiega il backstage della genesi del suo successo e in che modo è riuscito a dare una svolta alla sua vita. “Sono fortunato ad avere persone nella mia vita che continuano a incoraggiarmi ad andare avanti. Avevo un sacco di soldi, macchine, vestiti, riconoscimenti, risultati, premi e non ero ancora soddisfatto. Capisco che molti possano non capire. Non sono cresciuto in una casa stabile, i miei genitori erano molto giovani, separati, senza soldi e ribelli. Il grande successo mi ha travolto nel giro di due anni. Tutto il mio mondo è stato capovolto. Sono passato dall’essere un ragazzo di 13 anni di una piccola città, ad essere elogiato a destra e sinistra dal mondo che non conoscevo, ma l’umiltà arriva con l’età.

A questo punto arriva la parte più introspettiva e confidenziale, in cui Justine Bieber ammette i suoi errori: “Ho iniziato a far uso di droghe piuttosto pesanti a 19 anni e ho abusato di tutte le mie relazioni. Ero pieno di collera, irrispettoso verso le donne e arrabbiato. Mi allontanai da tutti coloro che mi amavano, e mi nascondevo dietro un guscio di una persona che era diventato. Mi ci sono voluti anni per riprendermi da tutte queste terribili decisioni, riparare relazioni interrotte e cambiare le abitudini." L'avvicinamento alla fede e il percorso di consapevolezza hanno fatto si che oggi Justin Bieber sia un uomo risolto e in pace con se stesso: "Fortunatamente Dio mi ha benedetto con persone straordinarie che mi amano. Ora sto navigando nella migliore stagione della mia vita, il “MATRIMONIO” !! Che è una nuova incredibile responsabilità. ho imparato la pazienza, la fiducia, l’impegno, la gentilezza, e l’umiltà.

Hope you find time to read this it’s from my heart

Un post condiviso da Justin Bieber (@justinbieber) in data:

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 03/09/2019 - 15:15

Spero per questa (ex?) testa calda che sia vero.

Carlo.MS

Mar, 03/09/2019 - 19:01

Buon per te ....se così complimenti

GPTalamo

Mer, 04/09/2019 - 06:37

Certo che ci vuole coraggio per queste persone dello spettacolo a fare questi passi. Io sono dell'opinione che oggigiorno le vere canzoni di protesta sono quelle che si cantano in chiesa.