Kasia Smutniak ricorda Taricone: "È morto col sorriso in faccia"

L'attrice affida al suo profilo Facebook una lettera al compagno scomparso: "Prima di saltare mi ha mandato un bacio, facendo la faccia buffa, hanno riso tutti. Poi si è lanciato..."

Ieri sarebbe stato il suo quarantesimo compleanno. Pietro Taricone, "'O guerriero" della prima edizione del Grande Fratello, è stato ricordato con grande affetto. Furono in molti a reagire con incredulità alla notizia della sua morte, il 29 giugno 2010, dopo un tragico incidente durante un lancio col paracadute. E in occasione della giornata speciale, l'ex compagna e madre di sua figlia Sophie, l'attrice Kasia Smutniak, ha voluto dedicargli una lettera che ha pubblicato sul suo profilo Facebook.

"Oggi avresti compiuto 40 anni... Chiunque lo abbia conosciuto ha capito che era una persona speciale, era veramente unico. Lui era sempre molto riservato, sensibile e molto schietto. Io sono stata la più fortunata perché l'ho avuto per otto anni tutto per me. In questi otto anni abbiamo fatto di tutto, ci siamo detti tutto. Avevamo litigato, ci eravamo lasciati, poi siamo tornati insieme. È stato proprio il paracadutismo a farci ritrovare. Noi ci siamo ritrovati, eravamo felici. Non potevamo darci più di così. Io so che in quel momento lui era felice... Prima di saltare mi ha mandato un bacio, facendo la faccia buffa, hanno riso tutti. Poi si è lanciato. Non si è reso conto di niente, è morto col sorriso in faccia. Io ero accanto a lui. Se potessi scegliere un modo di morire, vorrei anch'io morire così: nel momento più felice della vita".

Un amore intenso quello tra Kasia Smutniak e Pietro Taricone, bruscamente interrotto dal terribile incidente dell'attore. Eppure, dalle parole della lettera pubblicata ieri, si percepisce ancora il legame che c'era tra loro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.