Kate Middleton, Camilla tramò contro di lei?

Kate Middleton e il Principe William affrontarono una piccola rottura nel 2006: alla base della scelta potrebbe esserci stata Camilla Parker Bowles

Qual è la ragione che ha portato Kate Middleton a separarsi dal Principe William, per poco tempo nel 2006?

I due si erano conosciuti alla St. Andrew’s University. Dopo qualche anno di conoscenza e di frequentazione, mentre i sudditi speravano in una proposta di matrimonio, ci fu una rottura sanata in poche settimane. Molto è stato scritto su questa pausa di riflessione della coppia - che si è sposata nel 2011 e oggi ha tre figli - di come Kate abbia riconquistato William e della presunta indecisione di quest’ultimo. Ora l’Express ventila un’altra ipotesi: i responsabili della rottura temporanea potrebbero essere stati il Principe Carlo e Camilla Parker Bowles.

A dirlo è il biografo Christopher Anderson, autore di “Game of Crowns”, volume che si concentra sulle donne di maggior potere nella Royal Family: Kate, Camilla e naturalmente la Regina Elisabetta II.

Secondo Anderson, Camilla non considerava Kate degna di entrare nella famiglia reale britannica, per via delle sue origini proletarie. Gli avi dell’attuale duchessa di Cambridge erano infatti minatori, mentre sua madre è un’ex assistente di volo. Camilla si è invece spesso vantata del fatto che sua bisnonna Alice, nobildonna scozzese, fosse l’amante di Re Edoardo VII. E in effetti Kate è la prima borghese a fare il suo ingresso nella Royal Family.

Così, pare che Camilla non abbia agito direttamente, ma abbia chiesto a Carlo di suggerire a William di decidersi a sposare Kate o lasciarla libera. Consiglio che in effetti il Principe di Galles seguì - secondo il biografo mosso però solo da un invito alla risolutezza del figlio - da qui la rottura temporanea.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.