Kate Middleton fa da maestra ai figli dopo la chiusura delle scuole

Il governo Johnson si è deciso ad attuare misure più restrittive a causa dell’emergenza coronavirus e ora che anche la scuola dei principe George e Charlotte è chiusa, Kate Middleton ha il compito di far loro da maestra

Il coronavirus fa paura anche oltremanica. Dopo aver abbandonato l’idea dell’immunità di gregge, il Primo Ministro inglese Boris Johnson ha optato per misure restrittive da estendere a tutta la Gran Bretagna. Tra queste vi è la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, compresa naturalmente la Thomas’s Battersea School frequentata dai principi George e Charlotte, figli di Kate Middleton e del principe William. Una nota della prestigiosa scuola londinese fa sapere che “cresce sempre di più il numero di bambini e di personale assenti da scuola a causa della pandemia di coronavirus. Abbiamo deciso quindi di passare all’apprendimento da remoto a partire da venerdì 20 marzo”.

Il magazine Hello scrive che dal prossimo venerdì i bambini di William e di Kate Middleton studieranno da casa e il loro lavoro, così come la loro concentrazione, verranno tenuti sotto controllo proprio da genitori. Nel comunicato emesso dalla scuola di George e Charlotte possiamo poi leggere: “Il programma verrà dunque insegnato attraverso piattaforme di apprendimento online. Abbiamo chiesto ai genitori di tenere i figli a casa e accedere con loro alle lezioni attraverso questo sistema. Ciò garantirà che i bambini abbiano una continuità di apprendimento pur non frequentando fisicamente l’istituto. Che resterà comunque aperto per le famiglie che non possono tenere i figli a casa”.

Come spiega Vanity Fair Kate Middleton e il principe William rimarranno accanto a George e Charlotte in questi giorni surreali, che a bambini della loro età devono sembrare ancor più strani. Entrambi, come molti altri genitori in tutto il pianeta, si improvviseranno insegnanti, cercando di seguire i figli nell’apprendimento, controllando i loro progressi e aiutandoli a studiare. Sarebbe interessante sapere se i piccoli principi preferiranno affidarsi di più all’aiuto materno o paterno, oppure se da questo punto di vista William e Kate Middleton possono essere considerati “intercambiabili”. La Thomas’s Battersea School è una delle scuole inglesi più esclusive e si trova a Sud di Londra. I piccoli allievi seguono lezioni di danza (il principe George ha già iniziato), teatro, musica, francese e arte oltre alle materie abituali come l’inglese, la storia e la matematica.

Il magazine Grazia rivela che in questo istituto vengono impartite perfino “lezioni” di autostima, cioè diversi laboratori riuniti sotto il nome di “arti della vita” che mirano a rendere i bambini più sicuri, capaci di risolvere problemi, prendere decisioni e sviluppare un senso critico. Sembra che per l’educazione della principessa Charlotte William e Kate Middleton spenderanno circa 18.915 sterline l’anno (intorno ai 20mila euro), mentre per il principe George arriveranno a circa 19.287 sterline annue (siamo sui 22mila euro). Non sappiamo per quale ragione vi sia questo piccolo divario nelle cifre. Grazia ipotizza che, forse, l’istituto abbia voluto ringraziare così i Cambridge per la fiducia accordata, dal momento che William e Kate Middleton avrebbero scelto senza esitazioni la Thomas’s Battersea School anche per la loro secondogenita.

Prima della chiusura delle attività la principessa Charlotte era nel pieno della fase di “accoglienza” nella scuola. Speriamo possa riprendere presto la sua vita, come tutti noi. Intanto dovremo avere grande pazienza e impegnarci per usare al meglio il tempo della quarantena. Dal canto suo la Thomas’s Battersea School (come tante altre scuole nel mondo) continua le lezioni, anche se solo online e conclude così il suo comunicato: “Noi cerchiamo di fornire la miglior soluzione per l’apprendimento, ma sappiamo che non è un periodo semplice”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.