Stella McCarteney: "L’ambiente lo rispetto non lavando i miei capi di abbigliamento"

Si può salvaguardare l'ambiente non lavando i propri vestiti, lo rivela Stella McCartney in una recente intervista

Si può essere alla moda anche rispettando l’ambiente. Lo rivela Stella McCartney, celebre stilista e figlia 47enne di Paul McCartney, in una recente intervista che ha rilasciato al The Guardian. In un momento storico in cui in molti sono attenti alla salvaguardia del nostro ecosistema, anche una personalità del calibro di Stella McCartney ha una visione su come mettere in sicurezza il nostro ambiente, affermando che è possibile farlo anche attraverso la cura degli abiti che indossiamo.

"Non sono una fan del lavaggio a secco o di qualsiasi altro tipo di lavaggio. Non è detto che un abito deve essere lavato per forza – rivela la stilista -. Io adotto uno stile di vita molto drastico ma efficace. Gli abiti li curo senza solventi e additivi chimici. Sono una maniaca dell’igiene, questo è vero, ma non amando nessun tipo di lavaggio per gli abiti che indosso, preferisco usare un metodo diverso. Ad esempio non lavo mai il reggiseno, né tanto meno lo metto in lavatrice. La regola generale è che non deve essere lavato né toccato, ma si lascia seccare lo sporco e poi si spazzola via".

È anche una vegana convinta tanto da applicare, non solo al cibo, la sua visione salutista. "Le persone che mi sono vicine non indossano mai capi o accessori in pelle. Cerco di trasmettere la mia filosofia anche nel mondo della moda, ma non è facile – confessa -. Se anche gli altri sarebbero eco-sostenibili allora saremmo tutti alla pari. Purtroppo è una mia scelta, ma credo modo nel mio modo di lavorare".

Stella McCartney è sposata da 16 anni con l’editore Alashadir Willis ed è madre di 4 figli.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.