Perché Camilla non si prende il titolo di Diana

Un giorno Camilla Shand sarà Regina consorte d’Inghilterra, perché, allora, non renderle anche il titolo di principessa del Galles?

Perché Camilla non si prende il titolo di Diana

Camilla Shand sarà Regina consorte. Ormai è un dato di fatto. Resta, però, ancora un nodo da sciogliere: c’è ancora motivo di negare alla moglie dell’erede al trono il titolo di principessa del Galles? La questione non è così facile come sembra: in teoria si tratta di un diritto della duchessa di Cornovaglia, ma non è detto che gli inglesi, pur avendola accettata, siamo pronti a chiamarla con quelle tre parole indissolubilmente legate a Lady Diana. La monarchia non può permettersi ulteriori scossoni mediatici di questa portata, ma il sito Royal Central ci invita a guardare il problema sotto altre prospettive.

Camilla principessa del Galles?

Dal suo matrimonio con il principe Carlo, nel 2005, Camilla Shand ha scelto la via sicura del basso profilo. Una scelta vincente. La duchessa ha lavorato e si è costruita un’immagine solida e ben strutturata. Non si è mai tirata indietro di fronte agli impegni derivanti dal suo ruolo di moglie dell’erede al trono, portandoli a termine con serietà e con uno stile personale molto lineare e poco incline ai flash dei fotografi. Per evitare polemiche e scandali non ha mai usato il titolo di principessa di Galles, che pure le spetta di diritto, riconoscendo il valore sentimentale che aveva per il popolo britannico.

Naturalmente, da donna intelligente qual è, a Camilla non poteva sfuggire nemmeno l’impatto mediatico derivante dall’inevitabile accostamento del titolo a Lady Diana nell’immaginario collettivo. Insomma, la duchessa ha seguito un percorso tutto suo, evitando saggiamente lo scontro impari con un mito. Solo che sono passati quasi 26 anni dalla morte di Lady D. Ha ancora senso mantenere in vita il contrasto tra le due donne, negando alla duchessa di Cornovaglia il titolo di principessa del Galles? Diana è un’icona dalla popolarità inattaccabile, Camilla sarà Regina consorte per espresso desiderio di Sua Maestà. Sia la prima che la seconda hanno commesso errori. Ma il passato non si può cancellare. Vale la pena farlo rivivere all’infinito?

L'autorevole sito Royal Central si chiede: “Perché aspettare il tempo che verrà per riconoscere a Camilla i titoli che le spettano?” e spiega: “Camilla detiene un certo numero di ruoli regali importanti: è stata nominata Dama del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera, Dama di Gran Croce dell’Ordine Reale Vittoriano, è membro del Consiglio Privato di Sua Maestà. Ma non viene menzionata con il titolo principale concessole in quanto moglie del principe Carlo: principessa del Galles…perché non compiere il passo successivo e insistere affinché Camilla sia ora riconosciuta principessa del Galles?”.

L’ombra di Lady Diana

Le domande del sito Royal Central sono legittime. Paradossalmente Camilla Shand è riuscita a ottenere prima la (futura) nomina di Regina consorte, che diverrà effettiva solo alla morte di Elisabetta II, che il riconoscimento del titolo di principessa del Galles di fatto già suo. Il sito non vuole mettere in dubbio l’affetto degli inglesi per Diana, né giudicarne o minimizzarne la figura e le azioni. Tantomeno intende fare paragoni tra le due rivali in amore di un tempo. Prende in esame la realtà odierna, dove non ci sono né vincitori né vinti: “Camilla ha instancabilmente e tenacemente supportato le vittime di violenza domestica. Promuove l’istruzione e la letteratura, le azioni in difesa degli animali…tutto senza cercare le luci della ribalta, o le fanfare o un premio per il lavoro che fa giorno dopo giorno”, mettendo “passione e carattere” in tutte le battaglie che decide di combattere.

Il problema è sempre lo stesso: tutto ciò servirà a far posto a Camilla nel cuore degli inglesi, pur senza dimenticare Lady Diana? Finora la duchessa ha saputo conquistare il favore dei sudditi, ma non è ancora stata ricambiata con l’amore incondizionato riservato a Lady D. Forse permetterle di usare il titolo di principessa del Galles potrebbe essere un passo importante in tal senso. Intanto Camilla si gode il suo successo: in visita a una charity che si occupa di povertà alimentare, la Nourish Hub, ha commentato per la prima volta e in pubblico l'annuncio della regina Elisabetta con poche semplici parole: "Sono molto, molto emozionata. E molto onorata". Verrà il giorno in cui, come dice Royal Central, “smetteremo di scrivere della duchessa di Cornovaglia per iniziare a scrivere della principessa del Galles?”. La fine di questa storia è tutt’altro che scontata.

Commenti