Paola Perego positiva al Covid: "Ho nausea devastante e astenia"

La conduttrice, positiva al coronavirus, è apparsa per la prima volta dopo il contagio sui social parlando di sintomi durissimi e invitando i suoi follower a rispettare le norme anticontagio

Paola Perego positiva al Covid: "Ho nausea devastante e astenia"

Continua ad allungarsi la lista dei volti noti dello spettacolo positivi al coronavirus. L'ultimo nome eccellente è quello della conduttrice Paola Perego. Pochi giorni fa era arrivata la notizia del suo contagio e ora, dopo giorni di assenza dai social, la Perego ha rotto il silenzio.

"Nessuno di noi è invincibile davanti a questo virus", ha scritto nel suo ultimo post Instagram Paola Perego tornando a parlare con i suoi fan. La conduttrice ha condiviso uno scatto in bianco e nero dove si mostra allo specchio, con il volto provato e scavato, quello di chi da giorni combatte con i sintomi del Covid. La Perego si è detta fortunata di essere rientrata nella casistica degli asintomatici, anche se a distanza di giorni dalla scoperta del contagio i sintomi hanno iniziato a farsi sentire: "Fortunatamente, seppure positiva io sono un soggetto cosiddetto asintomatico. Dopo i primi giorni, tuttavia, dei sintomi sono comparsi: dolori muscolari fortissimi, nausea devastante e astenia".

La notizia della sua positività è arrivata come un fulmine a ciel sereno nell'ambiente televisivo. Soprattutto perché Paola Perego aveva partecipato a Tale e quale show, programma di Rai Uno, dove pochi giorni dopo è risultato positivo anche Carlo Conti. Paola Perego sarebbe dovuta tornare sul piccolo schermo l’8 novembre con il suo nuovo programma pomeridiano Il Filo Rosso, in onda su Rai2. Ma ora a causa del coronavirus la data d’inizio slitterà a data da definirsi. La conduttrice sempre sui social ha rassicurato però i suoi seguaci "Grazie a Dio non sono stata colpita brutalmente dal COVID e posso restare nella mia casa ma nulla deve farci abbassare la guardia, perché mentre io vi sto scrivendo dalla mia camera da letto, ci sono tante, troppe persone chiuse in terapia intensiva".

Commenti

Grazie per il tuo commento