Pausini, Sting, Gallagher: inizia il Festival dei super ospiti pop

Antonacci e Morandi in trattative per l'Ariston. La sorpresa Rita Ora. E magari si rivede Milva

Dopotutto, senza toto-ospiti non è un vero Festival di Sanremo. Domani nel piccolo teatro del Casino di Sanremo ci sarà la tradizionale conferenza stampa nella quale saranno confermati i conduttori (forse gli annunciatissimi Pier Francesco Favino e Michelle Hunziker, che alla sera tornerà al bancone di Striscia la Notizia) e come da rituale sgocciolerà anche qualche nome di super ospite o di comico. Quali?

Intanto c'è massima attenzione - si sa - per i cachet, che negli ultimi anni sono stati drasticamente ridotti rispetto alle cifre iperboliche pagate in passato per esibizioni talvolta davvero misere. E poi per ora - e anche questa è una tradizione - poco o nulla è stato contrattualizzato quindi sono tutte supposizioni. Le più accreditate portano a Laura Pausini (che sta per presentare il nuovo disco), al neonato trio Pezzali, Nek e Renga, a Renato Zero, a Biagio Antonacci fresco di nuovo album, al Volo e a Sting che potrebbe arrivare in una veste diversa da quella di popstar. Ad esempio, al Metropolitan Museum di New York è nel cartellone della mostra del grande paesaggista Thomas Cole e l'ultimo passaggio tv da Bolle (su Raiuno) conferma la sua voglia di uscire dai canoni. Non sarebbe l'unico «straniero», visto che (a quanto si dice) ci sarebbero anche trattative con Liam Gallagher, una delle ultime rockstar vecchio stile a base di eccessi e provocazioni che ha pubblicato da poco un bel disco solista. Potrebbe anche arrivare Rita Ora, che ha 27 anni, è nata a Pristina in Kosovo ma è naturalizzata inglese. Cantante, modella e ultimamente anche attrice, è un personaggio non molto conosciuto al pubblico di Raiuno ma non passerebbe certo inosservata, vista la presenza scenica e l'attitudine spettacolare.

Anche la sempre più convincente Dua Lipa (la sua Be the one è stato un bel successo anche in Italia) ha origini kosovare e qualcuno dice che questa ventiduenne talentuosa e misteriosa potrebbe apparire come ospite al Festival. Sarebbe una sorta di consacrazione, oltre che una sorpresa per molti.

Insomma, dalle indiscrezioni sembra che l'elenco delle «ospitate» non comprenda il mega-super ospite magari hollywoodiano, che ha costi esagerati e oltretutto non sempre garantisce ascolti oppure consensi. È più probabile che sul palco dell'Ariston ci sia una passerella di ospiti che rientrino nel racconto di ciascuna puntata e siamo quindi contestualizzati. Magari potrebbero arrivare, proprio in questa ottica, i tre protagonisti degli spot televisivi di Claudio Baglioni, ossia i precedenti conduttori del Festival, da Pippo Baudo a Fabio Fazio fino a Carlo Conti.

E (oltre alla possibile presenza di Claudia Gerini) non è escluso che ritorni pure Gianni Morandi, uno che ha fatto la storia della canzone italiana ma anche quella del Festival, avendolo condotto per due volte consecutive. Ha appena pubblicato un disco, D'amore d'autore, che rappresenta la voglia di non adagiarsi sulla semplice canzone pop ma di cercare nuovi autori e nuovi confronti. Il ritorno a Sanremo sarebbe magari una piattaforma di lancio del suo tour, che parte il 22 febbraio da Jesolo ma potrebbe diventare anche la celebrazione dei sessant'anni dal suo primo «provino» come cantante, quello fatto nel 1958 con il brano Nel blu dipinto di blu di Modugno poi dalla maestra Alda Scaglioni di Bologna. Infine, magari potrebbe anche rivedersi Milva, candidata a furor di popolo (ha iniziato Cristiano Malgioglio) per un premio alla carriera assai meritato per una interprete che sa cantare a livelli straordinari in ben nove lingue e ha partecipato 15 volte al Festival.

Infine c'è il reparto risate, ossia i comici. Quest'anno la selezione è ancora più difficile visto che sarà un Festival a ridosso delle elezioni e quindi in rigoroso regime di par condicio. Si dice che potrebbe ritornare Virginia Raffaele, dopo il bel momento con Bolle su Raiuno. Ed è possibile la partecipazione di Alessandro Siani, uno che non ha intrecciato spesso il proprio humour con la politica e quindi (come Pieraccioni o Brignano o anche Panariello) e perciò sarebbe ideale per questa edizione. Alla fine, un Festival che anche dalle indiscrezioni porta sempre più evidente la firma di Claudio Baglioni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.