Il principe Harry potrebbe rinunciare ai suoi titoli

Nonostante i dissidi con William il principe Harry spererebbe ancora in una riconciliazione, anche se il trattamento ricevuto al Giubileo di platino della regina potrebbe spingerlo al distacco definitivo dalla corona

Il principe Harry potrebbe rinunciare ai suoi titoli

Durante il Giubileo di platino tra il principe William e il principe Harry è calato il gelo. Non vi sarebbe stato nemmeno un incontro privato tra i due. Al National Service of Thanksgiving, che si è tenuto il 3 giugno 2022 a St. Paul, i fratelli non si sono scambiati né una parola, né uno sguardo. Il duca di Cambridge avrebbe paura di ritrovare eventuali conversazioni private con Harry sui tabloid, o su libri e documentari. Secondo gli esperti, però, il duca di Sussex vorrebbe ottenere l’approvazione del fratello William e sarebbe così deluso dalla freddezza della royal family da meditare, in casi estremi, la rinuncia ai titoli nobiliari.

“Alla ricerca di approvazione”

Tra William e Harry non ci sarebbe più dialogo. Il Giubileo di Platino per i 70 anni di regno della regina Elisabetta ha messo in evidenza l’abissale spaccatura tra i figli di Diana e Carlo. Sembra, però, che il principe Harry stia cercando di riavvicinarsi, senza successo, a un sempre più diffidente duca di Cambridge. In realtà la mancanza di fiducia di tutta la famiglia è giustificata dalle dichiarazioni al veleno di Harry e Meghan sulla vita a corte. Non c’è da stupirsi se i Windsor al completo temono che ogni parola pronunciata di fronte ai Sussex possa finire in pasto ai media.

Harry, però, spererebbe ancora in una riconciliazione, in particolare con il principe William. Al Today Show in Australia, citato dall’Express, il royal editor del Mirror, Russell Myers, ha dichiarato: “Penso che Harry abbia un disperato bisogno dell’approvazione del fratello, rimanendo [confinato] in una specie di terra di nessuno: [Harry] vuole andare avanti con la sua vita insieme a Meghan, in California…hanno guadagnato molti soldi attraverso gli accordi con Netflix e Spotify e tuttavia [il duca di Sussex] ancora desidera far parte, in qualche modo, della royal family”, aggiungendo: "Sfortunatamente ogni volta che sparla di loro fa un passo indietro” sulla via della riconciliazione. Myers ha spiegato: “Credo che serva più spazio tra [William e Harry] prima che possano tornare [a dialogare]. Sono certo che tutti sperano che ciò accada”.

Harry pensa di rinunciare ai titoli?

L’indifferenza dei familiari avrebbe spinto il principe Harry a lasciare Londra prima della fine del Giubileo. A quanto pare, però, il trattamento ricevuto avrebbe avuto anche un altro effetto sul duca. L’esperto di vicende dei reali Neil Sean sul suo canale Youtube ha espresso un punto di vista molto interessante in merito, ripreso sempre dall’Express: “Il principe Harry ha parlato esplicitamente del fatto di [essersi sentito] in trappola all’interno della monarchia britannica. Ha dichiarato di aver vissuto costantemente sotto i riflettori, [affermazione che] è in contraddizione con il fatto che abbia voluto precipitarsi alle celebrazioni per il Giubileo di Platino, assicurandosi di essere notato. È molto difficile quando i tuoi finanziatori sono Netflix e Spotify e tu non sei un royal, ma una celebrità. A quanto pare se ne è andato offeso per il modo in cui è stato trattato al Giubileo di Platino”.

Neil Sean ha proseguito: “Il principe Harry pensa che, forse, potrebbe essere una buona idea rinunciare ai titoli, cosa di cui molte persone stanno parlando. Può darsi sappia che non potrebbe mai venirgli tolto il titolo di principe in quanto suo per diritto di nascita”. Quindi il principe Harry potrebbe, un giorno, decidere di rinunciare al titolo di duca. Dal febbraio 2021 i Sussex non godono più del trattamento di altezza reale per decisione di Sua Maestà. Però, inevitabilmente, tutti i titoli che ancora hanno contribuiscono alla loro aura di “royal”, seppur ribelli. Li rende più affascinanti, distinguendoli da una celebrità di Hollywood. In un certo senso la coppia brilla di luce riflessa grazie alla royal family e per le piattaforme come Netflix e Spotify tutto ciò può trasformarsi in visibilità e, di conseguenza, vantaggio economico. Il principe Harry avrebbe lo stesso impatto mediatico senza i titoli?

Commenti