Spettacoli

La Rai accelera, Benigni è più vicino

La Rai accelera, Benigni è più vicino

Di materiale nel fascicolo intestato Benigni-Mediaset ce n'era abbastanza. Ma, quasi certamente, quel fascicolo andrà richiuso lo stesso. Del resto, per la nuova dirigenza Rai farsi soffiare dalla concorrenza, dopo Celentano, l'altro top-artist italiano sarebbe stato un disastro. Anna Maria Tarantola e Luigi Gubitosi si erano insediati da poche settimane in Viale Mazzini quando, in uno dei primi atti ufficiali da presidente e direttore generale si erano recati a Firenze insieme a Giancarlo Leone per assistere a una serata di TuttoDante dell'attore toscano. Dopo essersi tanto esposti non chiudere l'accordo avrebbe avuto il significato di una resa.

L'altro giorno, dopo le anticipazioni del Giornale relative al forte interesse dei dirigenti del Biscione per uno show di Benigni, Gubitosi ha dato un'accelerata alla trattativa con il manager Lucio Presta decidendo di occuparsene personalmente. All'80/90 per cento, nel mese di dicembre Robertaccio sarà protagonista di una serata evento sugli schermi di Raiuno con uno show inedito tra satira e attualità. Ieri, rispondendo alla domanda di un follower che citava articoli di giornali sicuri dell'esibizione del premio Oscar nella Tv pubblica, Leone ha frenato gli entusiasmi: «È ancora prematuro parlarne. È un auspicio che speriamo si concretizzi. Ci crediamo tutti e molto», ha sottolineato calorosamente «ma occorre attendere». Dal canto suo Presta ha twittato un laconico «È ancora difficile dirlo». Tuttavia, la sensazione è che Benigni non cambierà casa televisiva nemmeno per un solo spettacolo. Anche perché tra le clausole dell'accordo c'è la possibilità che le serate fiorentine dedicate alla Divina Commedia siano trasmesse da Raidue nella primavera del 2013, forse addirittura in prima serata. Insomma, se come sembra, la nuova dirigenza di Viale Mazzini accetterà tutte le condizioni non solo economiche poste dal suo manager, a dicembre Benigni si esibirà su Raiuno. Le residue speranze di Mediaset sono alimentate dalla lentezza delle procedure tipiche della burocrazie della Tv di Stato. Anche nelle ultime ore i dirigenti di Cologno Monzese si sono detti pronti a subentrare in caso di problemi. E dunque il fascicolo è socchiuso ma non definitivamente chiuso. Però tutto fa pensare che problemi non ce ne saranno.

Commenti