Riotta-Travaglio: scintille sulla Maggioni

Volano insulti e accuse tra il direttore del Fatto e il conduttore di Parallelo Italia

Riotta-Travaglio: scintille sulla Maggioni

Volano insulti e accuse tra Gianni Ritotta e Marco Travaglio. Il direttore del Fatto nel suo editoriale ha parlato dell'elezione alla presidenza della Rai di Monica Maggioni. Ma al termine dell'articolo ha fatto una digressione sul conduttore di Parallelo Italia: "PS. Ieri Gianni Riotta ha fatto tempestivamente sapere di aver assegnato il prestigioso Premio Spotorno da lui presieduto a Monica Maggioni. Questo sì che si chiama professionismo. Chapeau", ha scritto Travaglio. Una considerazione, questa, che non è stata digerita da Riotta.

A questo punto è arrivata la replica: "Travaglio non conosce vergogna, si sa. Ma prendersela con gli amici del Premio Internazionale Spotorno Nuovo Giornalismo è così volgare da far ridere: come sempre la sua prosa", scrive su Twitter Riotta. Poi arriva un consiglio per Travaglio: "Spiegate a Travaglio e al suo circo come stanno le cose se no mi tocca rivincere causa contro Fatto". E come se non bastasse è arrivato anche un tweet al veleno dal Festival di Spotorno: "Marco Travaglio grazie per aver citato il Premio a Monica Maggioni, ma il premio è stato assegnato l'8 luglio (non ieri)". Insomma a quanto pare Travaglio questa volta ha proprio toppato. In quel momento, parliamo dell'8 luglio, circa un mese fa, Monica Maggioni era soltanto al timone di Rai News24 e il suo non era mai stato accostato alla presidenza della Rai. Nella rosa di nomi per il Premio Internazionale Spotorno Nuovo Giornalismo ce n'erano almeno altri 15 oltre a quello della Maggioni. La giuria dopo averne preso atto ha deciso di conferire il premio all'allora direttore di RaiNews. L'attacco di Travaglio quindi, va detto, è stato gratuito. E questa volta, come testimonia la risposta di Riotta e dello stesso profilo ufficiale del Festiva di Spotorno, il direttore del Fatto dovrebbe abbassare le armi e fare una sana autocritica.

Commenti