Sandra Milo: "Forse sono ancora sposata con un cubano"

Intervistata dal settimanale Oggi, Sandra Milo torna a parlare delle nozze del 1990 con un generale cubano: "Potrei essere ancora sposata"

Intervistata dal settimanale Oggi, Sandra Milo torna a parlare delle sue nozze del 1990 a Cuba e rivela che potrebbe essere ancora sposata.

In questi giorni Sandra Milo è protagonista del programma Io e te di Pierluigi Diaco, dove tiene una rubrica di posta del cuore. Ma se da una parte l'attrice si dimostra sicura nel dare consigli d'amore alle spettatrici, dall'altra rivela di avere alcuni dubbi sulla sua vita sentimentale. Dalle pagine del settimanale diretto da Umberto Brindani, la musa di Fellini rivendica l'autenticità del suo matrimonio tenutosi a Cuba nel 1990: "Io ho vissuto una bellissima storia romantica che purtroppo è durata poco".

La Milo spiega nel dettaglio come si arrivò alle nozze: "Con il mio amico fotografo Franco Brel siamo andati a Cuba con l’idea di inventarci qualcosa, ma poi abbiamo incontrato questo ragazzo e a me è piaciuto moltissimo. Laggiù è molto facile sposarsi e divorziare e così mi sono sposata al Palacio de los Matrimonios, il municipio, con tanto di testimoni". Purtroppo l'idillio durò poco e alcuni nubi si addensarono sulla storia d'amore.

"Mike Bongiorno arrivò a offrire 200 milioni di lire a Jorge perché venisse in trasmissione con la sua “vera” moglie: lui, che era divorziato, recuperò la ex ed era pronto a partire quando le autorità glielo impedirono", rivela Sandra. Alla domanda se l'uomo, Jorge Ordonez, fosse davvero un colonnello, la Milo non offre certezze: "E mica sono andata da Fidel Castro a chiederglielo. Lui ci disse così". Sandrocchia non ha nessuna sicurezza nemmeno sul fatto che possa essere ancora sposata con l'uomo cubano: "Non credo, però è probabile". "Dovreste mandare qualcuno a Cuba per le verifiche del caso!", chiosa la Milo invitando i giornalisti a indagare.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it su Facebook?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.