Sanremo, Fiorello in lacrime: "Mi viene un groppo in gola se ci penso"

Fiorello si è commosso parlando della figlia Angelica costretta in casa per via della pandemia. "Si sta perdendo i momenti più belli"

Sanremo, Fiorello in lacrime: "Mi viene un groppo in gola se ci penso"

Anche gli showman piangono. E stavolta è toccato a Fiorello, co-conduttore insieme ad Amadeus della settantunesima edizione del Festival di Sanremo. Nel corso della conferenza stampa di questa mattina, il mattatore siciliano non è riuscito a trattenere la commozione alla domanda di una giornalista su come stia affrontando la pandemia: "Mi viene un groppo in gola se ci penso", ha rivelato alla stampa.

Mattatore, One man show ma soprattutto padre. Per qualche minuto, Fiorello ha svestito i panni da fuoriclasse dello spettacolo per raccontare di sé e della sua amatissima Angelica, la figlia nata dal matrimonio con Susanna Biondo, in un momento storico profondamente segnante per tutti. "Ho una figlia adolescente e mi fa dolore perché è l'età più importante e bella della nostra vita. Si stanno perdendo delle cose che non torneranno", ha detto con gli occhi lucidi. "ll momento più bello della vita per me era la ricreazione, il film al cinema il pomeriggio, aspettare la più bella della terza C che usciva da scuola per guardarla. - ha poi ricordato - Sapere che a mia figlia, appena diventata adolescente, tutto questo è negato, mi fa dolore. Perché in lei vedo tutti gli adolescenti. E il brutto è che si stanno abituando. Credo che per tutti i genitori adolescenti questa è una sofferenza. Non posso vedere una ragazzina di 14 anni chiusa in casa dalla mattina alla sera".

Sulla stessa lunghezza d'onda di Fiore anche Amadeus, padre di José Alberto, il figlio 12enne nato dall'unione con Giovanna Civitillo, conduttrice del PrimaFestival. "Sto vivendo le stesse cose. - ha affermato il direttore artistico del Festival - Ho un figlio di 12 anni che vive la stessa situazione, non può andare neanche da un amichetto. Per loro questa pandemia è devastante".

Accantonate le lacrime, la conferenza stampa è poi virata sulla kermesse canora. Nello specifico si è discussa l'ipotesi che con una variazione in corsa delle norme si possa consentire ad un artista escluso per positività, o per contatto diretto con persona positiva al Covid-19, possa rientrare in gara attraverso la proposizione di un video registrato dell'esecuzione del brano. Il riferimento è al caso che coinvolge Irama, il quale stando all'attuale regolamento deve rinunciare alla competizione (era previsto per questa sera) perchè venuto a stretto contatto con due collaboratori del suo staff risultati positivi al coronavirus anche dopo il tampone molecolare. Pungente la risposta di Fiorello: "E' cambiato il mondo, quindi non deve sorprendere il cambio di regolamento del Festival di Sanremo. Cambia tutto e non si può farlo qui?".

Commenti