A Sanremo idea Can Yaman e Marcell Jacobs Paradiso co-conduttore. E arriva la Bertè

Fiorello forse per una serata. La concomitanza con il voto per il Quirinale

A Sanremo idea Can Yaman e Marcell Jacobs Paradiso co-conduttore. E arriva la Bertè

Fatto il cast dei 25 concorrenti (gli ultimi tre giovani sono stati proclamati l'altra sera su Raiuno: Yuman, Tananai e Matteo Romano), del Festival di Sanremo resta da conoscere tutto il resto. Ossia gli ospiti, i coconduttori con Amadeus e le altre apparizioni che dal primo febbraio si susseguiranno all'Ariston. Per ora pochi i nomi certi, anzi praticamente nessuno. Rimane l'incognita Fiorello, che potrebbe esserci almeno per una serata e che qualcuno considera decisivo per la conclusione dell'accordo di sponsorizzazione tra la Rai e Wind al posto di Tim.

E continua l'attesa per Roberto Benigni, che non è stato annunciato ma che potrebbe aver già pronto un intervento legato anche alla attualità politica visto che proprio durante il Festival, ossia il 3 febbraio, termina ufficialmente il mandato del presidente della Repubblica Mattarella. Non si conosce neppure chi cocondurrà di fianco ad Amadeus. Girano i nomi di Simona Ventura (assente la scorsa edizione per Covid), di Miriam Leone e anche di Alessia Marcuzzi che però qualche indiscrezione ritiene sempre meno probabile.

È probabile che ci sia una «girandola» di coconduttrici/conduttori che si alternerà sera dopo sera. Trattative sono in corso per Tommaso Paradiso, ex dei Thegiornalisti che ha un disco pronto a uscire immediatamente dopo. Sarebbe presente per una o addirittura due serate. Potrebbe esserci anche Beatrice Venezi, il direttore d'orchestra che potrebbe tornare all'Ariston anche sull'onda di una popolarità sempre crescente. E sembra molto vicino all'accordo anche Can Yaman, l'attore/modello turco diventato famoso anche per una chiacchierata storia d'amore con Diletta Leotta. Qualche giorno fa ha disattivato a sorpresa le pagine Instagram dedicate al suo profumo «Mania» e seguite da una valanga di followers. Di certo la sua presenza scatenerebbe i social, visto il consenso oceanico che totalizza a ogni post.

Poi i Maneskin.

Il loro ritorno sarebbe la chiusura ideale di un anno favoloso decollato proprio con l'inattesa vittoria al Festival. Anche Loredana Bertè potrebbe arrivare (tornare) al Festival di Sanremo se non altro perché è nella giuria di The Voice Senior e sta vivendo un ennesimo periodo di popolarità trasversale perché piace a quattro generazioni diverse. In sostanza, è l'ospite tv ideale per chi pensa anche agli ascolti. A proposito, a questo giro festivaliero c'è qualcuno di più «attraente» degli sportivi? Magari proprio Marcell Jacobs, il re dei cento metri olimpici appena apparso seminudo sulla copertina di Vanity Fair. Oppure qualche campione europeo e paralimpico. In ogni caso, come ha spiegato il direttore di Raiuno, Coletta: «Si è aperto ufficialmente il sipario sul progetto Sanremo2022, con lo show dedicato ai giovani che, oltre a vincere la serata televisiva con il 13,5% di share, ha registrato il miglior risultato d'ascolto delle ultime cinque edizioni». Adesso è tempo di totofestival, almeno fino a quando si alzerà il sipario.

Commenti