Scontrino da 5mila euro da Federico Fashion Style. E arriva pure la polizia

Fa trattamenti per 5mila euro nel salone di Federico Fashion Style ma si rifiuta di pagare lo scontrino: arriva la polizia nel tempio della bellezza di Anzio

Scontrino da 5mila euro da Federico Fashion Style. E arriva pure la polizia

Una nuova polemica ha investito il salone di Federico Fashion Style, il parrucchiere dei vip. Il costo dei trattamenti nei suoi saloni di bellezza è da molti considerato esagerato ed esorbitante ma nonostante questo sono tantissime le persone che quotidianamente prendono appuntamento per farsi coccolare dai suoi trattamenti esclusivi. L'ultimo caso è accaduto ad Anzio, dove Federico Lauri, questo il suo nome, ha aperto il suo primo salone ormai molti anni fa.

Mercoledì 24 giugno, una donna si è recata presso il Salone delle Meraviglie per sottoporsi a una serie di trattamenti per capelli, con la convizione di spendere una cifra da lei stessa ipotizzata. Al termine della seduta di bellezza, quando la cliente del salone di Federico Fashion Style si è recata alla cassa per saldare il conto, avrebbe ricevuto la doccia fredda. Per i trattamenti effettuati, lo scontrino ammontava a circa 5mila euro. Una cifra molto elevata che la donna si sarebbe rifiutata di pagare perché non era nelle sue disponibilità. Federico Lauri sarebbe intervenuto in prima persona per dirimere la questione. L'animo della signora, evidentemente presa alla sprovvista da un conto così esorbitante, non era placabile con le buone e così il parrucchiere è stato costretto a chiedere l'intervento delle forze dell'ordine, che sono intervenute per ristabilire la calma all'interno del salone.

Non è la prima volta che i poliziotti vengono chiamati a intervenire nel Salone delle Meraviglie di Anzio, dove spesso le clienti si lamentano per gli scontrini esagerati. In questo caso, l'unico modo per sbloccare la situazione è stato imporre uno sconto massiccio sullo scontrino finale, che da 5mila euro è sceso a 1.500 euro. Questa cifra, anche grazie all'intervento degli uomini del Commissariato di Anzio, ha accettato. Alla fine tutto si è concluso e la donna ha pagato, anche se una cifra nettamente inferiorne a quella pattuita in origine per i trattamenti effettuati. Sono molte le donne che, attratte dalla fama di Federico Fashion Style, desiderano sottoporsi ai suoi trattamenti, senza valutare il costo degli stessi.

In passato Federico Lauri è spesso intervenuto per difendersi dagli attacchi da parte di chi reputa il suo listino eccessivamente caro: "Nel salone di Anzio una piega costa 12 euro. Il prezzo sale a 30 euro a Milano. Chi critica deve capire che il prezzo è calibrato sulle richieste che vengono fatte. Se vai al supermercato un etto di mortadella costa 2 euro, ma se prendi anche altre cose più costose è ovvio che il prezzo sale".

In sua difesa, Federico Lauri ha diramato un comunicato stampa per chiarire la questione. Il parrucchiere di Anzio sostiene che la donna sia entrata alle 11 del mattino nel suo salone per uscirne solo dopo sei ore, alle 17. Le richieste fatte dalla donna avrebbero richiesto sei ore di lavoro per: "Colore, trattamento alla Keratina, taglio, shatush, maschera ristrutturante, acquisto e montaggio di numero tre file intere di 30cm cadauna di extension Taylored di capelli naturali al 100%, piega, riflessante, trattamento Oxy Station, trattamento Olaplex". Il parrucchiere afferma che la sua cliente era a conoscenza del costo dei servizi, riportato in un listino ben visibile. Federico Lauri conferma l'intervento delle forze dell'ordine, da lui stesso chiamate, che hanno di fatto intimato il pagamento alla donna. "La nota eleganza del Sig. Federico Lauri risolveva la bagarre offrendo alla cliente la rimozione dele extension affinché quest'ultima potesse procedere al pagamento di una somma inferiore", scrive il parrucchiere nella nota pubblicata su Instagram.

Commenti