Ancelotti-Everton, ci siamo: contratto faraonico per l'ex Napoli

Ancelotti è pronto siglare un ricco contratto di quattro anni mezzo con l'Everton e diventerà il quarto allenatore più pagato della Premier dietro a Guardiola, Mourinho e Klopp

Carlo Ancelotti è pronto da subito a rimettersi in sella dopo il bruciante esonero subito lo scorso 10 dicembre al Napoli, con Aurelio De Laurentiis che ha deciso di cambiare la guida tecnica nonostante gli ottavi di Champions League conquistati abbastanza agevolmente e in un girone impegnativo. L'ex allenatore di Psg, Juventus, Chelsea, Bayern Monaco e Real Madrid ha pagato un avvio choc in campionato ed è stato così rimpiazzato dal suo ex pupillo ai tempi del Milan Gennaro Ivan Gattuso che non è però partito bene con la sconfitta interna subita contro il Parma di Roberto D'Aversa.

Ancelotti ha ricevuto diverse offerte soprattutto dalla Premier League dove l'Arsenal ha fatto un sondaggio per metterlo sulla panchina dei Gunners. A spuntarla però pare sia stato l'Everton del proprietario iraniano Farhad Moshiri, con il presidente Bill Kenwright, tra l'altro anche attore e produttore teatrale, che ha convinto sir Carlo a dire sì ai Toffees. Il tabloid inglese The Sun parla di un ingaggio faraonico per l'ex allenatore del Napoli che andrebbe a posizionarsi al quarto posto della classifica dei tecnici più pagati della Premier League dietro a Pep Guardiola, José Mourinho e Jurgen Klopp.

Ingaggio da sogno

Ancelotti dovrà prima risolvere il suo contratto con il Napoli, ma questa sembra solo una formalità dato che il suo accordo sarebbe scaduto al termine della stagione. Una volta sistemato tutto con Aurelio De Laurentiis, Carlo potrà siglare il suo ricco contratto di quattro anni e mezzo con l'Everton: 4 milioni di euro fino a giugno del 2020, più 3 milioni di euro in caso di salvezza dato che i Toffees non navigano in buone acque sono attualmente quint'ultimi in classifica.

Dal primo luglio del 2020 al 30 giugno del 2024, invece lo stipendio andrà a toccare i 6 milioni di euro netti a stagione per lui e per tutto il suo staff. Se l'affare dovesse andare in porto già nelle prossime ore, Ancelotti si siederebbe in panchina già da sabato 21 quando a Goodison Park arriverà proprio quell'Arsenal che ha fatto un tentativo per portarlo a Londra. Il futuro di Ancelotti è invece a Liverpool e sarà una sfida affascinante dato che c'è una salvezza da conquistare e magari chissà anche qualcosa in più.

Sogno Ibra?

L'ex allenatore del Napoli trova una squadra in crisi ma con una rosa davvero ricca di talenti:da Sigurdsson, a Richarlison, fino ad arrivare al portiere dell'Inghilterra Pickford, all'ex della Juventus Moise Kean, il difensore Jerry Mina, Lucas Digne, Iwobi, Calvert-Lewin e Theo Walcott.

La rosa è di tutto rispetto ma potrebbe essere implementata da un vecchio pallino del tecnico di Reggiolo e ora libero sul mercato: Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese sembrava vicino al Milan ma il suo tentennamento sta facendo perdere un po' la pazienza al club rossonero che non può più aspettare: le prossime ore saranno decisive per Ancelotti ma anche per Ibra che potrebbe decidere di far saltare tutto con il club rossonero per ritornare in Premier League alla corte di uno dei suoi allenatori preferiti in carriera.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.