Ancelotti ricorda Istanbul: "Quella finale contro il Liverpool fu un furto"

Ancelotti ha vinto tre Champions League da allenatore, due con il Milan e una con il Real Madrid. La finale persa contro il Liverpool nel 2005 ad Istanbul però brucia ancora

Carlo Ancelotti è ancora uno degli allenatori più vincenti in attività anche se gli ultimi due anni sono stati un po' difficili per l'ex tecnico del Milan. L'anno e mezzo al Napoli è stato molto pesante per il tecnico di Reggiolo che ora sta respirando aria nuova in Inghilterra tra le fila dell'Everton i cugini di quel Liverpool che nel 2005 nella finale di Champions League a Istanbul fecero piangere il Diavolo allenato proprio da Ancelotti.

Sono passati quasi 15 anni da quell'assurdo 25 maggio dove il Milan andò al riposo con un vantaggio incredibile: 3-0 frutto dei gol del capitano, quasi 37enne all'epoca, Paolo Maldini e della doppietta dell'attaccante argentino Hernan Crespo. Nella ripresa i rossoneri subirono sei minuti di blackout nei quali subirono la bellezza di tre gol in quest'ordine Steven Gerrard di testa, Smicer con un tiro dalla distanza e Xabi Alonso che prima si fa parare il rigore da Dida e poi lo batte sulla respinta del portiere brasiliano.

Il Milan torna poi a dominare la sfida con il portiere polacco Dudek che quasi inconsapevolmente compie un miracolo su Shevchenko che da 30 centimetri dalla porta calcia violentemente trovando la parata d'istinto del numero uno polacco che poi si ripeterà nella lotteria dei calci di rigore neutralizzando le conclusioni di Andrea Pirlo e Andrij Shevchenko con anche l'errore di Serginho, primo a fallire il suo penalty.

Ancelotti non ci sta

Come detto la ferita è ancora aperta in casa Milan con Carlo Ancelotti che in un'intervista rilasciata ai microfoni del Telegraph all'ex difensore del Liverpool, in campo in quella finale, Callagher ha masticato amaro: "È stato un furto", entra così in tackle l'attuale allenatore dell'Everton che poi si rivolge all'ex colonna difensiva dei Reds "accusandolo" simpaticamente: "E tu perdevi sempre molto tempo!".

Due anni dopo, però, il Milan si prese la sua grande rivincita vincendo la finale di Champions League sempre contro i Reds grazie alla doppietta di Filippo Inzaghi con la rete di Kuyt che nel finale di partita fece tremare ancora una volta i rossoneri che portarano a casa la loro ultima Champions League, la settina nella storia. Il Milan è ancora la seconda squadra d'Europa in questa speciale classifica dominata dal Real Madrid con tredici affermazioni, con il Diavolo secondo e con il Liverpool terzo con sei Champions messe in bacheca.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Santorredisantarosa

Dom, 08/03/2020 - 15:30

SE VOGLIAMO ESSERE STRETTI STRETTI TUTTO IL CALCIO E' UN FURTO PIU' O MENO

Ritratto di guga

guga

Lun, 09/03/2020 - 08:48

..il virus annulla anche le idee? Allora va bene rivangare di tutto!