"Ma tu chi c... sei?" E Bonucci viene scambiato per invasore. Scoppia il caos a Wembley

Mentre Bonucci veniva scambiato per un invasore da una steward, un vero invasore festeggiava insieme agli Azzurri il passaggio in finale

"Ma tu chi c... sei?" E Bonucci viene scambiato per invasore. Scoppia il caos a Wembley

Festa loca per l'Italia al termine della partita con la Spagna, vinta dagli Azzurri 5-3 dopo i calci di rigore. Enorme la gioia da parte dei giocatori in campo, stremati ma felici per aver agguantato la finale degli Europei. Dopo il rigore segnato da Jorginho, che ha fatto tremare più di qualche polso a Wembley e in Italia, è esplosa la gioia degli Azzurri e dei tifosi sugli spalti, che si sono accalcati alle protezioni per cercare di avere un contatto con i loro eroi. Ed è proprio in questi momenti concitati che è accaduto l'imprevedibile: Leonardo Bonucci è stato scambiato per un invasore e un vero invasore si è trovato abbracciato agli Azzurri durante i festeggiamenti.

Dopo il centro dal dischetto di Jorginho non si è più capito niente allo stadio di Wembley. Nonostante la fatica dei 120 minuti giocati al massimo dell'intensità e i rigori, che svuotano ogni energia fisica e mentale, la vittoria e il passaggio in finale hanno dato nuova vita alle gambe degli Azzurri, che sono corsi ad abbracciarsi per festeggiare il traguardo raggiunto insieme al mister Roberto Mancini. Leonardo Bonucci, invece, è corso dalla parte opposta per ringraziare i 15mila italiani (circa) che in molti casi hanno sfidato la prospettiva della quarantena pur di esserci in quella che sarebbe diventata la notte magica nella nostra nazionale.

Il difensore juventino li avrebbe voluti tutti attorno a sé quei tifosi, anche perché era la prima volta che i nostri giocatori tornavano in campo in uno stadio pieno, o quasi. Ma quella gioia incontenibile, sua e dei tifosi, deve aver mandato in confusione il servizio di sicurezza dello stadio. E infatti, non appena Leonardo Bonucci si è avvicinato alle protezioni per festeggiare insieme ai tifosi è stato raggiunto da una steward che ha cercato di trascinarlo via. L'ha preso per il braccio con il chiaro intento di allontanarlo, mentre il difensore azzurro sgranava gli occhi cercando di capire cosa stesse succedendo. È stata questione di attimi, perché poi la ragazza lo ha riconosciuto e lo ha abbracciato, chiarendo così l'equivoco.

La solerzia impiegata per bloccare Bonucci non è stata utilizzata per fermare il vero invasore di campo. Un giovane tifoso degli Azzurri, approfittando della confusione in campo, è riuscito a intrufolarsi sul terreno di gioco e ad arrivare fino alla squadra, che stava festeggiando, unendosi a loro. Anche in questo caso è stata questione di pochi secondi, giusto il tempo per Marco Verratti di accorgersi che quel giovane non era parte del loro gruppo. "Ma tu chi c...o sei?", ha chiesto l'Azzurro col sorriso al tifoso, prima che questo venisse allontanato dagli steward. Ma nella notte di Wembley va bene anche così.

Commenti