Capello adesso punge Ibrahimovic: ''Non lo avrei mandato a Sanremo...''

L'ex tecnico rossonero manda una frecciatina al campione svedese: ''Viene pagato dalla società e quindi deve avere rispetto del club e dei tifosi''

Capello adesso punge Ibrahimovic: ''Non lo avrei mandato a Sanremo...''

“Per lui che è un professionista e che si impegna sempre negli allenamenti, è una contraddizione, è pagato dalla società e deve avere rispetto” Fabio Capello ha criticato così la presenza di Zlatan Ibrahimovic come ospite al Festival di Sanremo.

Per Ibra ha sempre avuto parole al miele, essendo stato il primo a svezzarne lo straordinario talento quando nella stagione 2004 il campione svedese approdò nel campionato per vestire la maglia della Juventus, allora guidata proprio da Capello. Stavolta il tecnico friulano al Club di Sky stavolta non ha potuto non mandare una frecciatina al milanista. Il motivo del contendere è la partecipazione dello svedese al Festival di Sanremo a inizio marzo, vista dall'ex tecnico milanista come una scelta non proprio necessaria.

"Non l'avrei mai mandato, sono sincero. Credo che venga pagato dalla società e quindi debba avere rispetto del club e dei tifosi". Don Fabio non ha risparmiato critiche allo stesso Milan: "La società avrebbe dovuto vietarlo, non puoi fare il pendolare Sanremo-Milanello". Proprio nel momento decisivo della stagione con i rossoneri, alle prese con gli impegni in Europa League e nell'avvincente testa a testa in vetta alla classifica con l'Inter, l'attaccante svedese sarà ospite in tutte e cinque le serate della kermesse musicale. Una scelta che Capello non vede assolutamente di buon occhio:"Lui ha voluto andarci. Ma essendo lui un professionista che vuole trasmettere serietà e impegno durante gli allenamenti, secondo me questa è una contraddizione".

Il piano Ibra a Sanremo

Fervono i preparativi per la 71esima edizione di Sanremo, che vedrà la presenza fissa di Ibra in tutte le puntate. Amadeus aveva confermato senza indugi la sua presenza al Festival: "Sarà presente in tutte le cinque sere del festival di Sanremo, senza saltare nessuna partita del Milan" facendo storcere il naso a Stefano Pioli oltre che a tutti i tifosi rossoneri. Di fatti il Milan, che così come le altre squadre di Serie A, dovrà disputare un turno infrasettimanale il 3 marzo mentre il Festival si svolgerà da martedì 2 a sabato 6. A quel punto campione svedese si unirà alla squadra il giorno della sfida con l'Udinese, in programma appunto il 3 marzo alle ora 20.45. Ma non finisce qui in quei giorni Zlatan si allenerà da solo in vista della trasferta contro il Verona del 7 marzo perché la sera precedente ci sarà la finale del Festival. Fino a questo momento Pioli non si è voluto sbilanciare e qualche giorno fa parlando della questione ha dichiarato: "Ci dobbiamo organizzare, da qui al Festival mancano ancora molto", consapevole però che il miglior Ibra serve al Milan più che a Sanremo.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

Commenti

Grazie per il tuo commento