Ci siamo: ora è solo questione di gambe e cuore

Siamo alla resa dei conti, ultimo giorno di montagna oggi prima della crono finale di domani

Ci siamo: ora è solo questione di gambe e cuore

Attaccare come Simon Yates e Joao Almeida, difendersi come Egan Bernal e Damiano Caruso: questo è il ciclismo. Due gesti tecnici che mostrano però solo e soltanto un volto: quello di ragazzi che non si danno per vinti. Siamo alla resa dei conti, ultimo giorno di montagna oggi prima della crono finale di domani. Bernal sembra essere un pochino affaticato e in riserva, Simon Yates è nella posizione di dire: oggi o mai più! Questo per noi appassionati di cose ciclistiche è la cosa più bella che possa accadere. Giochi di strategie, giochi tattici e di gambe, soprattutto di cuore. Oggi sarà messo in campo tutto. Simon Yates deve provare a fare un miracolo, e questo deve coincidere con una giornata no di Egan Bernal. Caruso corre per il suo secondo posto, Almeida per vincere almeno una tappa. Ognuno ha la propria storia e i propri sogni, noi con loro sogniamo provando a correre al loro fianco, come facemmo da ragazzini e che continuiamo a fare oggi che ragazzini non siamo più, ma il fanciullo che è in noi è sempre quello là, quello di sempre.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti