Inter, spopola #ConteOut. Ma per molti è Giuseppi il "Conte" da mandare via

Sul Twitter è esploso l'hashtag #ConteOut riferito all'allenatore dell'Inter. Molti utenti hanno pensato fosse invece riferito al presidente del Consiglio. Bagarre social

Inter, spopola #ConteOut. Ma per molti è Giuseppi il "Conte" da mandare via

Il Conte da mandar via? Per alcuni è Antonio, l'allenatore dell'Inter. Per altri è Giuseppe, il presidente del Consiglio. Così può succedere che, se su Twitter inizi a impazzare l'hashtag #ConteOut per criticare l'allenatore nerazzurro, in molti si accodino per attaccare il premier.

L'allenantore dell'Inter sotto processo

L'Inter di Antonio Conte ha vinto una partita fondamentale per le sue ambizioni in campionato, in rimonta, contro il Torino di Moreno Longo. I granata si erano portati in vantaggio con il Gallo Andrea Belotti abile ad insaccare da pochi passi dopo la papera commessa dal portiere e capitano nerazzurro Samir Handanovic. L'Inter, però, non si è abbattuta come avvenuto nelle scorse partite e nella ripresa ha dato segnali di risveglio ribaltando l'incontro a proprio favore e nel giro di pochi minuti con le reti di Ashley Young su assist aereo di Lautaro Martinez, Diego Godin su assist sempre di testa di Alexis Sanchez e infine proprio del Toro Lautaro Martinez che è tornato così al gol dopo giorni difficili. Con questo successo l'Inter ha così agguantato il secondo posto in classifica a pari punti con la Lazio e a meno otto dalla Juventus a sei giornate dal termine: difficile poter pensare ancora allo scudetto ma finché la matematica non condannerà i nerazzurri sarà giusto provarci fino alla fine.

Malinteso e bufera social

L'Inter, come detto, ha portato a casa tre punti d'oro ma nel corso del primo tempo sul punteggio di 0-1 per il Torino su Twitter diversi utenti tifosi nerazzurri si sono scatenati all'indirizzo dell'allenatore della Beneamata con l'hashtag #ConteOut. Peccato che in molti non abbiano colto il senso collegando quell'hashtag al presidente del Consiglio Giuseppe Conte che è stato dunque invitato a dimettersi da tantissimi utenti.

Nel giro di pochi minuti il popolare social network è diventato una polveriera con un tutti contro tutti tra sostenitori e detrattori del tecnico dell'Inter e del presidente del Consiglio:

Tra ironia e insulti gratuiti, soprattutto nei confronti dei sostenitori della Lega, Twitter si è trasformato nel giro di pochissimo tempo e per diverse ore in una valvola di sfogo con i vari utenti che non se le sono mandate di certo a dire: