Coronavirus, Sarri al giornalista francese: "Avete fatto meno tamponi dell'Italia"

Durante la conferenza stampa di presentazione al match di Champions contro il Lione Sarri ha punto il giornalista francese sul coronavirus: "Questo è un problema europeo, non solo italiano"

Coronavirus, Sarri al giornalista francese: "Avete fatto meno tamponi dell'Italia"

La Juventus di Maurizio Sarri si trova a Lione già da ieri e questa sera giocherà contro la squadra di Rudi Garcia l'andata degli ottavi di finale di Champions League. Il tecnico bianconero ha fornito diversi spunti di discussione nella sua conferenza stampa di presentazione alla partita ed ha risposto così ad un giornalista francese che gli chiedeva del pericolo italiano sul coronavirus visto che a Lione ci saranno oltre 2500 tifosi della Juventus:"La mia opinione su questo virus è che non è un problema solo italiano ma europeo".

L'ex allenatore di Napoli e Chelsea ha poi continuato snocciolando dati sui tamponi effettuati nei vari paesi europei facendo una paragone tra Italia e Francia:"In Italia abbiamo effettuato 3500 prove di tamponi e quindi abbiamo un certo numero di positivi. In Francia ne avete fatti solo 300, dunque molto meno....se ne fate 3000 anche voi magari avrete gli stessi positivi italiani". Sarri ha poi concluso il suo intervento in merito al coronavirus: "Ripeto, questo è un problema europeo e ritengo che i nostri tifosi abbiano tutto il diritto di essere qui in Francia, abbiamo un problema da risolvere e tutti hanno il dovere di contenerlo in prima battuta e poi di andare a risolverlo in seconda battuta".

L'allenatore della Juventus imbeccato sull'argomento ha anche candidamente ammesso come per lui non sia giusto che in Serie A si giochino alcuni match a porte chiuse e altri a porte aperte, come Lazio-Bologna: "Se Juve-Inter a porte chiuse allora anche tutte le altre di Serie A. Perché se ci sono motivi di salute pubblica sono naturali, perché non è pensabile che a Roma, Bologna o Palermo non ci siano 2-300 persone che lavorano a Milano durante la settimana. Se questo motivo è preponderante deve valere per tutta la Serie A".

Secondo quanto riporta la Stampa sembra che ci potrebbe essere una richiesta per giocare il match lunedì sera a porte aperte ma per ora non c'è niente di ufficiale e dunque la sfida scudetto dell'Allianz Stadium, ad oggi, dovrebbe restare domenica sera a porte chiuse, salvo nuove disposizioni.

Questa sera la Juventus avrà un match importantissimo da portare a casa per mettere in discesa la sfida di ritorno in programma il 17 marzo. Una vittoria, magari rotonda a Lione, porterebbe ancora più serenità in casa Juventus che per la prima volta dopo tanti anni non sta dominando in campionato con la Lazio di Simone Inzaghi e l'Inter di Antonio Conte che stanno tenendo testa ai bianconeri e che promettono battaglia fino alla fine.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?