Donnarumma in crisi: "Il dualismo con Navas mi disturba"

"Stare in panchina non mi piace", dice Gigio Donnarumma. Il portiere di Italia e Psg ammette che la rivalità con Navas lo disturba. Ma è sicuro: "La situazione si risolverà"

Donnarumma in crisi: "Il dualismo con Navas mi disturba"

Gigio Donnarumma sta vivendo una stagione particolare: titolare inamovibile con la maglia dell'Italia, diverse panchine con la maglia del Psg. Ieri sera l'ex portiere del Milan non è stato impeccabile contro la Svizzera dato che il gol siglato dall'ex Udinese Widmer per poco non è costata la sconfitta alla nazionale italiana che l'ha poi riaddrizzata e infine buttata via la vittoria con il penalty cestinato da Jorginho.

Dualismo difficile

Donnarumma ha ammesso come il dualismo con Keylor Navas lo stia logorando lentamente:"Stare in panchina mi fa male, mi disturba la rivalità con Navas", le parole di Gigio che su 17 partite ne ha giocate solo 7. "Al Milan ero abituato a giocare sempre dall'inizio e non è facile", il suo commento ai microfoni di TNT Sports. E ancora: "La rivalità con Navas mi disturba, ma non ha effetto sulle mie prestazioni. A volte stare in panchina mi fa male, ma la situazione si risolverà". Al momento Donnarumma ha giocato 2 partite in Champions League parando anche un rigore al Lipsia e cinque su 13 in Ligue 1: sinonimo di come Mauricio Pochettino reputi ancora titolare il suo collega ex Real Madrid.

Il ruolo del portiere è sempre molto delicato per da un errore quasi sempre scaturisce un gol degli avversari che rischiano di compromettere la partita. Donnarumma veniva da anni in cui era abituato a giocare da titolare, era un punto di riferimento per compagni e per il mister ma al Psg, almeno al momento, non è così visto che Gigio è considerato uno dei tanti talenti della rosa dei parigini che puntano a vincere la Champions League dopo anni di grandi investimenti ma che hanno portato zero coppe nella bacheca del club dello sceicco Nasser Al-Khelaifi.

La partita perfetta

Ora però è il momento di dare tutto con la maglia dell'Italia con Donnarumma che deve essere concentrato sulla sfida contro l'Irlanda del Nord dove bisognerà essere perfetti per non rischiare di essere beffati dalla Svizzera di Murat Yakin nella corsa a Qatar 2022. Lui dovrà blindare la sua porta facendo rimanere a due le reti subite in 8 giornate del girone di qualificazione e poi si dovrà sperare di vincere con il punteggio più rotondo possibile perché restare ancora una volta fuori dai mondiali sarebbe un qualcosa di imperdonabile per tutta la rosa azzurra.

Commenti