In panchina e fischiato: che fine ha fatto Donnarumma

Dopo l'errore in Champions League Pochettino ha scelto Navas contro il Bordeaux, applaudito insieme a Mbappé, e non Donnarumma, fischiato dai tifosi del Psg

In panchina e fischiato: che fine ha fatto Donnarumma

"L’eliminazione dalla Champions è stata un duro colpo. I due giorni passati non sono stati semplici, ma è proprio da questi momenti di difficoltà che si viene fuori più forti. Ora bisogna pensare al presente, a vincere la Ligue, dando tutto come ho sempre fatto per questa maglia, per questo Club e per i nostri tifosi. Ripartiamo subito insieme! Allez Paris", questo il post social di Gigio Donnarumma qualche ora dopo la cocente eliminazione dalla Champions League del Psg, per mano del Real Madrid di Carlo Ancelotti. L'ex portiere rossonero si è reso protagonista di un brutto errore che ha di fatto regalato l'1-1 ai blancos che hanno poi ultimato la rimonta con il 3-1 finale.

Nononstante queste belle parole Gigio si è accomodato in panchina in Ligue 1 contro il Bordeaux con i tifosi del Psg che nonostante la vittoria per 3-0 non hanno risparmiato quasi nessuno per l'uscita di scena, ancora una volta, anzitempo dalla Champions. Donnarumma è stato uno dei più fischiati al contrario del collega Keylor Navas, acclamato dal pubblico, così come Kylian Mbappé, uno dei pochi a salvarsi nella debacle in terra madrilena.

Il malessere di Gigio

Nonostante continui ad affermare come vada tutto bene, Donnarumma non si sarebbe mai aspettato di vivere una situzione simile a Parigi e la sua mancanza per l'Italia si sta facendo sentire. Solo una pioggia di fischi per i giocatori in campo con il club transalpino che ha dovuto aumentare il volume della musica trasmessa nell’impianto sportivo per coprirli. Nonostante i 15 punti di vantaggio sul Marsiglia secondo in classifica, i tifosi del Psg non hanno preso bene l'eliminazione subita in Europa visto che è ormai da anni il più grande obiettivo del club francese che puntualmente fallisce nonostante i tantissimi milioni di euro spesi in questi anni dal suo proprietario, lo sceicco Nasser Al-Khelaifi.

Gigio, tra l'altro, con l'errore in Champions League rischia di aver chiuso anzitempo la sua stagione dato che difficilmente rivedrà il campo anche perché è rimasta una sola competizione. In tanti si stanno domandando se l'aver accettato il Psg lasciando così il suo Milan sia stata la scelta più giusta visto che il Diavolo si sta giocando lo scudetto, e ad oggi è il grande favorito alla vittoria finale, con Inter e Napoli. Aver scelto un ingaggio più alto rispetto a quello proposto dal club di via Aldo Rossi si sta rivelando un boomerang per il 23enne di Castellammare di Stabia che vincerà sì il titolo di campione di Francia, ma che non ha fatto strada in Champions League e che avrebbe, soprattutto, potuto provare a laurearsi campione d'Italia con il suo Milan (visto che si è sempre dichiarato un grande tifoso rossonero).

Commenti