Federer sparito dal campo e ora dal ranking

Lo svizzero non gioca da un anno e dopo 25 non compare nella classifica Atp

Federer sparito dal campo e ora dal ranking

Vincere Wimbledon e precipitare nel ranking mondiale. Non partecipare a Wimbledon e scomparire proprio, da quel ranking di cui facevi parte da 25 anni, per settimane anche da numero uno. È un risveglio strano, per non dire assurdo, quello di due dei più grandi di sempre, al termine del torneo più prestigioso del circuito, con tutto il rispetto degli altri. Scherzi dell'Atp, che ti costringe sempre quantomeno a ripetere i risultati dell'anno precedente, o quantomeno a contenere i danni, per rimanere in alto.

Novak Djokovic di danni non ne ha fatti. Anzi, per la quarta volta consecutiva, la settima in totale, ha trionfato sui prati di Church Road conquistando il suo ventunesimo titolo del Grande Slam ma non i 2mila punti corrispondenti. Questo perché gli organizzatori di Wimbledon avevano eccezionalmente deciso di non assegnarne nessuno, di punto, per questa edizione. Il motivo era stato spiegato a maggio, e cioè l'assenza in tabellone di russi e bielorussi, anche questa decisa a tavolino. Così Djokovic da terzo che era nel ranking adesso è settimo, in una graduatoria comandata sempre da Medvedev, che a Wimbledon in quanto russo quest'anno non ha messo piede. Un altro che ha pagato questa assurdità è stato naturalmente Berrettini, finalista un anno fa e precipitato al 15esimo posto. Chi non ci ha rimesso? Chi uscì presto nel 2021 e aveva poco da difendere, tipo Tsitsipas o Ruud.

Sempre meglio di Roger Federer, comunque. Lui l'abbiamo visto due domeniche fa entrare sul campo centrale per celebrarne il centesimo compleanno, ma è da un anno esatto che non gioca neppure un quindici, da quando fu piallato dal polacco Hurkacz ai quarti di finale di Wimbledon. Non si è ufficialmente ritirato, ma stando al ranking maschile lo svizzero non esiste più, visto che quei punti persi erano gli ultimi che aveva in saccoccia. Federer sparito, robe da matti, dopo quasi 25 anni di presenza ininterrotta nella graduatoria mondiale, dai primi punticini agguantati nei tornei challenger ai 2mila ogni volta che vinceva uno Slam. Ora è a zero e si attende il suo rientro nella Laver Cup a settembre.

Stessa sorte per la 40enne americana Serena Williams, vincitrice di 23 titoli del Grande Slam. Dopo un anno senza aver giocato un torneo di singolare, ha fallito il suo ritorno sull'erba londinese quest'anno battuta al primo turno dalla francese Tan. E ora è fuori dalla classifica Wta.

Commenti