La Ferrari è migliorata, ma è dura contro lo strano motore Red Bull

La Ferrari è migliorata, ma è  dura contro lo strano motore Red Bull

Nonostante la leggera risalita tecnica, messa in luce chiaramente dalla Ferrari, la contesa con la Rbr e con il suo strano motore non è tornata ai livelli di Monza e di Suzuka, lungo le veloci curve di Interlagos. Quindi, ci troviamo dinanzi a un confronto in gara ancora incerto, contro lo strano motore delle monoposto inglesi. Ma importanti restano le buone posizioni di entrambe le macchine di Maranello sullo schieramento, con grande richiamo alle strategie, dopo la migliore riuscita in partenza. Contro le Mercedes non si combatte, per una supremazia tecnica da mettere in discussione. Infatti, tutti i motori di Formula 1 odierni sono illegali, nel senso che non rispettano un punto fondamentale del Regolamento Tecnico, cioè l'Articolo 5.1.4, su un consumo istantaneo (criptato) che vale 10 cavalli ogni chilogrammo/ora di portata-benzina al disopra del limite di cento. I motori più modesti presentano trasgressioni da una trentina di cavalli; i propulsori di vertice vantano incrementi di centinaia di cavalli. Sicuramente, se tutti i media insistessero su questa situazione anomala, qualcosa potrebbe accadere, con una Fia-Tv pro-Rbr e Stella a tre punte, costretta a tornare al più presto all'equità nella contesa.

Commenti