Infortunio per Fognini. Il papà: "Al 99% niente Barcellona"

Dopo la straordinaria vittoria al torneo di Montecarlo e il balzo al 12° posto della classifica Atp, Fabio Fognini è atteso a Barcellona dove forse, però, sarà costretto a dare forfait. Il padre Fulvio: "Problema alla coscia più grave del previsto"

Infortunio per Fognini. Il papà: "Al 99% niente Barcellona"

Nella finale di Montecarlo aveva stretto i denti, chiedendo un medical time out e riprendendo la partita fino alla fantastica vittoria in due set contro il serbo Lajovic. Ma l'infortunio muscolare che aveva colpito il tennista azzurro Fabio Fognini durante l'atto finale del torneo del Principato di Monaco - che un italiano è tornato a vincere 51 anni dopo l'ultimo successo di Nicola Pietrangeli datato 1968 - è più grave del previsto. "Oggi Fabio parte per Barcellona, ma forse non giocherà: il problema alla coscia è più grave del previsto". A dirlo, in un'intervista a Radio Sportiva, è stato il papà di Fognini, Fulvio.

"Avevo toccato il fondo: ora sogno qualcos'altro"

Una notizia che non ci voleva. Dopo l'affermazione al Masters 1000 di Montecarlo, il tennista ligure era pronto ad approfittare del momento positivo per puntare alla top 10 della classifica Atp. Proprio oggi è stato ufficializzato il suo balzo al 12° posto della classifica Atp, uno più in alto rispetto al suo record precedente. Ma in ogni caso, nonostante l'infortunio che ne mette in dubbio la partecipazione al torneo di Barcellona, il bicchiere di Fognini rimane mezzo pieno. Lo ha raccontato lui stesso in un'intervista a Sky Sport. "Mi sono ritrovato dopo un periodo buio. Avevo toccato il fondo, ho realizzato che ero negativo, molto teso, e mi sopportavo poco. Facevo fatica a ritrovarmi poi è successo quello che è successo. Adesso siamo qui a parlare di questa vittoria inaspettata, con un primo turno rocambolesco, aver battuto il numero tre al mondo (Zverev, ndr) e il numero uno sulla terra battuta (Nadal, ndr)", ha commentato, ancora commosso, il 31enne di Arma di Taggia.

Che ora sogna in grande, ma tenendo i piedi per terra. "Il bello è il brutto di questo sport è che da una settimana all'altra ti ritrovi dalle stelle alle stalle. Bisogna solo continuare, ovviamente ora sogno qualcos'altro. Questa è una cosa su cui posso mettere un asterisco e dire ok l'ho fatto, adesso cercherò di trovare nuovi stimoli e provare a fare qualcosa di davvero grande nei tornei che contano", ha promesso il numero 1 del tennis italiano.

Papà Fulvio: "Successo a Montecarlo non casuale"

Nel segno della F. Come le iniziali di Fabio Fognini, certo, ma anche di papà Fulvio. Che ai microfoni di Radio Sportiva ha raccontato le mille emozioni vissute durante la settimana che ha portato all'incredibile successo del figlio. "Se lunedì scorso mi avessero detto che sarebbe andata così mi sarei messo a ridere, invece giorno dopo giorno ha preso fiducia e battuto giocatori di primissimo livello come Coric, Zverev e Nadal. Il successo non è stato casuale, se lo è guadagnato", ha detto Fognini senior prima di esaltare le doti di Fabio: "Se può entrare nella top 10 della classifica mondiale? Ci credo, ha qualità finora espresse non a pieno, ma non sono l'unico a dire che ha un tennis da primi dieci del mondo. Vittoria su Nadal? Dopo 4-5 game avevo capito che era Fabio a comandare il gioco, Rafa avrà giocato male, ma questa volta Fabio lo ha preso a pallate. Finale contro Lajovic? Aveva tutto da perdere, la tensione era molto più alta, poi con Dusan si conoscono molto bene".

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti