Frosinone in campo nonostante 14 positivi al Covid. Bufera social sul Napoli

Il Frosinone è sceso in campo contro il Pordenone nonostante 14 positività al coronavirus e con un solo cambio in panchina. Social roventi contro il Napoli: "Questo vuol dire rispettare le regole. Questi sono i valori dello sport da raccontare"

La Serie A è andata in vacanza per qualche giorno ma il calcio italiano e non solo non si è fermato. La Serie B, infatti, è scesa in campo nella giornata odierna per disputare la 15esima giornata con un occhio di riguardo al match Frosinone-Pordenone per via di un focolaio da coronavirus tra la rosa dei padroni di casa. Nei giorni precedenti alla sfida, infatti, il club ciociaro allenato da Alessandro Nesta aveva comunicato una pioggia di positività, fino ad arrivare a quota 13 contagi.

In campo con onore

Nonostante questo disagio moltro grande il Frosinone ha deciso che sarebbe sceso in campo comunque per disputare il match contro il Pordenone. Poco prima della partita, però, ecco la positività numero 14 tra le fila dei ciociari che hanno mostrato ancora una volta grande sportività con questo comunicato tratto dal sito ufficiale: "Il Frosinone Calcio comunica che l’ultima serie di esami ha evidenziato un nuovo caso di positività al Sars-Cov-2 relativamente ad un membro del gruppo squadra che si aggiunge ai 13 comunicati nei giorni precedenti. Lo stesso è stato prontamente isolato secondo le direttive federali e ministeriali. La Società comunica, inoltre, di aver attivato tutte le procedure previste dal protocollo soft".

Solo 15 convocati per la squadra diretta da Alessandro Nesta, di cui tre portieri. 11 titolari e 3 calciatori in panchina di cui appunto due estremi difensori. La partita è terminata sul punteggio di 1-1 che mantiene i gialloblù al quinto posto della classifica a soli 6 punti dalla vetta occupata dalla Salernitana. Un solo cambio effettuato, naturalmente, dall'ex difensore centrale di Milan e Lazio con Tabanelli che al 61' ha preso il posto di Ciano.

Social roventi

Il Frosinone, a sua insaputa ovviamente, ha suscitato un vespaio sui social network con tantissimi utenti che hanno commentato positivamente la scelta del club ciociaro di scendere in campo nonostante le 14 positività riscontrate all'interno del gruppo squadra. Tanti utenti, però, hanno fatto il raffronto con quanto successo a inizio ottobre con l'Asl che bloccò la partenza del Napoli di Gennaro Gattuso per Torino (dove si sarebbe dovuto disputare il big match contro la Juventus) per due soli calciatori positivi, Zielinski ed Elmas.

"Lezione di stile e del rispetto delle regole da parte del Frosinone Calcio. Chapeau" e ancora:"Ma andate a c..., il Frosinone dopo avere avvertito la ASL ha giocato nonostante 14 positivi", "Il Frosinone gioca la sua partita contro il Pordenone Nonostante l'indisponibilità di ben 14 elementi per Covid E con soli 3 uomini in panchina Questo vuol dire rispettare le regole Questi sono i valori dello sport da raccontare alle nuove generazioni L'aggirare le regole", questi i tanti commenti in favore dei ciociari e di fatto contro il club di Aurelio De Laurentiis.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maxmado

Lun, 28/12/2020 - 10:12

Lo schifo non è neanche tanto il comportamento antisportivo del Napoli, ma è la sentenza del Coni che ha dato loro ragione, di fatto autorizzando chiunque a comportarsi come il Napoli. Meno male che non tutti sono antisportivi come ADL altrimenti i campionati si potrebbero considerare già chiusi per covid, con un danno immenso per tutte le società e con tante che fallirebbero.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Lun, 28/12/2020 - 10:38

La Lega Calcio dovrebbe sospendere le partite delle squadre affette da Virus. Questo se fosse una cosa seria . Ma se una squadra con 13 contaminati pareggia con una squadra di alta classifica,nasce una domanda :questo virus è cosi pericoloso per persone normalmente sane ?

ROUTE66

Lun, 28/12/2020 - 11:09

Colpa del Napoli?ma per favore,Toccava ai dirigenti del Frosinone rivolgersi alla ASL,se non lo hanno fatto la colpa non è certo del NAPOLI