Sport

"Ha il c... in testa", Cassano demolisce Rafael Leao che gli risponde sui social

L'ex campione barese a ruota libera su Rafael Leao: "Fa la differenza in Italia, non in Europa. Quando penso che possa valere 150 milioni, follia… Chiudiamo la trasmissione e andiamo a casa". Il portoghese se la ride sui social

"Ha il c... in testa", Cassano demolisce Rafael Leao che gli risponde sui social

Rafael Leao sta dimostrando a suon di gol, assist e ottime prestazioni di essere un giocatore di talento e decisivo per le sorti del Milan di Stefano Pioli. Tre assist in Champions League, quattro in campionato impreziosite da altrettante reti, è questo lo score stagionale del portoghese che sta incantando tutti tranne una persona: Antonio Cassano.

L'ex attaccante di Inter, Roma, Real Madrid e Sampdoria, infatti, nel corso della consueta chiacchierata con Christian Vieri, Daniele Adani e Nicola Ventola su Bobo Tv (piattaforma Twitch) ha smontato il 23enne del Milan: "Sta giocando bene in Italia, ma siamo un campionato assolutamente scarso, altrove non fa la differenza. Nel Portogallo fa la panchina e lì è giusto che giochi Cristiano Ronaldo, con a sinistra Bruno Fernandes e Diogo Jota. Leao gioca, ma gioca con il c... sulla testa e quando penso che possa valere 150 milioni, follia… Chiudiamo la trasmissione e andiamo a casa".

L'affondo di FantAntonio

Antonio Cassano non vuole sentirlo nominare fuoriclasse, dunque, poiché lo ritiene in grado di fare la differenza solo in un campionato, quello italiano, che a suo dire non è di alto livello. "120, 130, 150 milioni… non li vale assolutamente e mi importa poco di quanto dicono che possa valere. Io nelle top squadre d'Europa non le vedo lontanamente titolare. Sarà anche il migliore nel nostro campionato. Molto probabilmente è così, ma il campionato italiano è il quinto in Europa", l'affondo dell'ex centravanti della Roma e della nazionale italiana.

Il 39enne di Bari Vecchia ha poi provato a fare un paragone con altri grandi giovani talenti in giro per l'Europa: "Leao? Può stare a fare la panchina a Coman e Luis Diaz, nelle rotazioni. E non parlo di fenomeni veri come Neymar o Mbappè… Ricordo che uno come Vicinius fa la differenza con il City, Leao la fa con l'Empoli, con la Fiorentina, con il Bologna, poi in Coppa dei Campioni è già una roba diversa. Leao mi sembra un misto tra Dembelé e Martial, non è uno che fa 50 gol a stagione e 50 assist, cioè non è un giocatore che fa la differenza".+

La "risposta" di Rafa

Leao ovviamente ha letto le dichiarazioni al vetriolo di Cassano nei suoi confronti e ha risposto a modo suo sui social, sulla pagina ufficiale della Gazzett dello Sport, commentando con l'emoticon che ride le parole dell'ex attaccante di Milan e Inter nei suoi confronti:

Rinnovo essenziale

Leao andrà in scadenza con il Milan il 30 giugno del 2024 con Massara e Paolo Maldini che stanno lavorando duramente per convincerlo a rinnovare il contratto per allontanare le sirene provenienti da tutta Europa. Per ora la trattativa è in fase di stallo ma il club di via Aldo Rossi non lo cederà per meno di 100 milioni di euro, anche se l'intenzione della società è quello di trattenerlo alla corte di Pioli.

Commenti