Harakiri di Milano beffata dal Maccabi all'overtime

Harakiri di Milano beffata dal Maccabi all'overtime

Per le antiche scale dell'eurolega Milano va a sbattere contro il suo ego, perdendo 99-101 ai supplementari contro il Maccabi la prima partita di un play off che aveva dominat. Il vecchio Peterson li aveva avvisati, mai crdere che il pitt bull Blatta si arrenda, è accaduto, tutto nel minuto finale della sciagura e poi nei 5 minuti di prolungamento che hanno castigato l'unica squadra di casa proprio al Forum, ci stava cadendo anche il CSKA dei ricchi moscoviti che, però si è salvato con il Panathinaikos. Gli scorpioni dell'Emporio Armani hanno fatto cadere una goccia di veleno, il più letale, nel gelato della prima partita di play off di questa eurolega che avevano in mano, dominatori a rimbalzo, nel gioco, migliori in difesa, prima di farsi venire il mal della pietra in attacco, prima di ubriacarsi in una caccia assurda con il Maccabi che sembrava stordito, inutile, con Nicolò Melli che sporcava la sua serata da piccolo principe (3 su 3 da ) con un fallo antisportivo sul folletto Rice che ricuciva tutto, anche un meno 13, anche una partita che sembrava compromessa, portando in vantaggio gli israeliani a 11" dalla fine quando Langford con un libero su due allungava l'agonia andando al supplementare. Per i 12mila in rosso del Forum un tormento di cinque minuti governato sempre dalla squadra di Blatt, con Rice (17) imprendibile, con Ricky Hickman (26) incubo per tutti quelli che avevano già scartato il dolce e pensavano allegramente alla rivincita di domani per garantirsi la dote in vista delle due partite a Tel Aviv nella prossima settimana. Piangono in tanti per questo ritorno dentro la nuvola fantozziana di un Emporio che sembrava davvero bello, elegante, partito senza voglia di esagerare, cercando di capire la montagna Shortzanidis che ha segnato 17 punti, ma era in gabbia. Felici per aver accecato il colosso si sono dimenticati della cavalleria leggera dell'uomo di Luoisville diventato grande allenatore in Israele, hanno preso le cose alla leggera, nessuno ha preso la squadra in mano, nè dalla panchina, nè sul campo. Non tutto è compromesso perché questo Maccabi ha molti punti deboli, ma certo avergli fatto una respirazione bocca a bocca con l'effetto che aveva una Maylin Monroe è un peccato che può compromettere , la parte nobile della stagione.

Commenti