I gol più pazzi su calcio d'angolo. I 10 video che avete dimenticato

Ronaldinho, Beckham, Baggio, Maradona, Palanca: sono solo alcuni dei grandi calciatori capaci di realizzare almeno una volta in carriera un gol direttamente dalla bandierina del calcio d'angolo

Gol di tacco, in rovesciata, in acrobazia, da centrocampo, da fuori area, al volo: questi sono solo alcuni dei grandi gesti tecnici che può mettere in atto un calciatore all’interno del rettangolo di gioco. Le doti atletiche e tecniche sono fondamentali per riuscire a stupire tifosi, compagni di squadra, allenatori e certe volte anche i giocatori stessi autori di queste prodezze.

Sicuramente un altro fondamentale di difficile realizzazione per un calciatore è il gol direttamente da calcio d’angolo. Pochi nel corso di una carriera intera possono dire di aver realizzato una rete dalla bandierina del corner e in questa lista ci sono calciatori di estro e talento come David Beckham, Alvaro Recoba fino ad arrivare a due dei più grandi di tutti i tempi, Roberto Baggio e Diego Armando Maradona.

Ilgiornale.it ha raccolto i dieci gol direttamente da calcio d’angolo più rappresentativi della storia del calcio:

David Beckham, piede fatato

Il 45enne di Londra ha scritto pagine importantissime del calcio inglese e del Manchester United con cui in 8 stagioni ha giocato 384 partite segnando 86 reti di pregevole fattura e sfornando una serie infinita di assist con il suo piede fatato. I quattro anni al Real Madrid dei Galacticos, le esperienze al Milan e al Psg hanno permesso a David di conoscere altri tre grandi campionati europei come Liga, Serie A e Ligue 1. Beckham ha però incantato anche in Mls tra le fila dei Los Angeles Galaxy con cui ha giocato 125 partite segnando 20 reti: una di queste è stata siglata proprio da calcio d’angolo mandando fuori di matto i tanti tifosi americani

Alvaro Recoba, l’estro al potere

Alvaro Recoba è stato sempre il pupillo, insieme a Ronaldo Il Fenomeno, di Massimo Moratti. Il Chino, come veniva soprannominato per i suoi tratti somatici orientali, in carriera ha sempre realizzato reti di pregevole fattura con il suo sinistro vellutato e preciso. L’uruguaiano sia con la maglia dell’Inter che con quella del Nacional è riuscito nell’impresa di realizzare gol direttamente dal corner:

Massimo Palanca, lo specialista

Massimo Palanca compirà 67 anni il prossimo 21 agosto. L’ex bomber di Loreto in carriera ha vestito le maglie di Camerino, Frosinone, Catanzaro, Napoli, Como e Foligno realizzando oltre 210 reti in carriera tra Serie D e Serie A. Acquisì la fama particolare proprio per essere uno specialista nei gol direttamente da calcio d’angolo: ben 13 in totale nella sua proficua carriera.

Maradona, il sinistro de Dios

Diego Armando Maradona recentemente sta facendo parlare di sé per questioni extracalcistiche che non rendono onore ad uno dei più grandi attaccanti della storia del calcio mondiale. Il Pibe de Oro nel corso della sua strepitosa carriera ha realizzato gol impossibili e in tutte le maniere: l’ex di Napoli e Barcellona è anche riuscito a segnare direttamente da calcio d’angolo

Thierry Henry, il re della precisione

Thierry Henry ha incantato con la maglia dell’Arsenal e con quella della nazionale francese ma nelle fasi finali della sua mostruosa carriera ha deciso di provare l’esperienza in Mls come tantissimi colleghi. 52 perle in 135 presenze con la maglia del club americano per un calciatore capace di segnare oltre 400 reti in carriera tra club e nazionali. Uno di questi 52 gol è stato realizzato direttamente da corner per la gioia dei suoi tantissimi fan lo hanno ammirato segnare in tutte le maniere possibili e immaginabili.

Roberto Carlos, la potenza è nulla senza controllo

Roberto Carlos è forse uno dei rimpianti più grandi dell’Inter che lo cedette dopo una sola stagione in nerazzurro. Il brasiliano si è poi legato al Real Madrid facendo la storia del club blancos e della nazionale verdeoro con i suoi gol su punizione e le sue sgroppate che per anni l’hanno fatto essere il miglior terzino sinistro del mondo. A fine carriera Roberto Carlos torna in patria tra le fila del Corinthians e in una sfida di campionato riesce a togliersi lo sfizio di segnare direttamente da corner:

Erik Pulgar e Jordan Veretout, gli insospettabili

Bologna-Fiorentina, stagione 2017-2018. Veretout, oggi alla Roma, veste la maglia viola, Pulgar, oggi alla Fiorentina, è invece il fulcro del centrocampo felsineo. La partita finirà 1-2 in favore dei viola ma due dei tre gol di questa partita verranno siglati direttamente da calcio d’angolo proprio dai due calciatori sopracitati. A sbloccare la sfida del Dall’Ara ci pensa il francese con il cileno che risponde poco dopo sempre dalla bandierina del corner

Antonio Di Natale, il veterano

Antonio Di Natale è stato uno degli attaccanti più prolifici e forti degli ultimi anni del calcio italiano. Totò in 14 anni nel massimo campionato è stato capace di realizzare 209 reti che lo collocano al sesto posto nella classifica all time della serie A dietro a Piola, Totti, Nordhal, Meazza e Altafini, mostri sacri del calcio mondiale. Totò si è tolto lo sfizio di segnare alla sua squadra del cuore, il Napoli, direttamente da calcio d’angolo e proprio quando vestiva la maglia dell’Udinese, club con il quale ha scritto pagine importanti della storia del club bianconero

Roberto Baggio, il pallone d’oro

Roberto Baggio, pallone d’oro nel 1993, è stato sicuramente il talento più grande prodotto dal calcio italiano. Il Divin Codino, autore di ben 205 reti nel massimo campionato, proprio di poco alle spalle di Di Natale è stato capace di imporsi in diversi club: Vicenza, Fiorentina, Juventus, Milan, Inter ma anche in club più piccoli ma ambiziosi come Bologna e Brescia con cui Baggio ha chiuso la carriera. Il fuoriclasse di Caldogno fa parte del cerchio ristretto dei calciatori capaci di segnare direttamente da calcio d’angolo e lo fece proprio con la maglia delle Rondinelle.

Ronaldinho, il giocoliere

I suoi guai giudiziari stanno oscurando una carriera vissuta alla grande tra Barcellona, Psg e Milan ma Ronaldinho ha incantato per anni nei campi d’Europa e del mondo con le sue grandi giocate: assist no-look, rovesciate, tiri di potenza e precisione, colpi di tacco, di genio e punizioni da urlo. La rete da calcio d’angolo mancava al fuoriclasse carioca che si tolse la soddisfazione di realizzarlo una volta rientrato in patria dopo aver giocato una vita in Europa. Con la maglia del Flamengo fece esplodere i suoi tifosi con una giocata da urlo e di certo non arrivata per caso.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.