"Tu dammi il pallone, poi io..." Cos'è successo prima del "colpo" di Ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic è immenso anche a 39 anni. Con la sua rovesciata lo svedese ha risolto la partita in favore del Milan che vola in classifica e sogna lo scudetto

Il Milan di Stefano Pioli continua la sua marcia inarrestabile tra campionato ed Europa League. Con la vittoria per 1-2 contro l'Udinese salgono a 24 i risultati utili consecutivi per una squadra che ora sogna lo scudetto. La gara contro i friulani è stata spigolosa e bloccata fino al minuto 82' quando Zlatan Ibrahimovic ha deciso di mettersi in proprio con un gesto tecnico pazzesco messo in atto a 39 anni.

Ibracadabra

Ibra ha sfruttato alla grande l'incertezza dei difensori dell'Udinese e del portiere Juan Musso coordinandosi in un fazzoletto e riuscendo a colpire il pallone, in maniera sporca, con una rovesciata forse stilisticamente non impeccabile ma produttiva dato che ha portato i tre punti

In tanti sui social hanno esaltato il suo gesto tecnico anche se qualcuno ha messo in dubbio la sua acrobazia in quanto considerato gioco pericoloso:

L'aneddoto con Brahim

Ibrahimovic si sa è il vero leader di questo sorprendente Milan che post lockdown non ha mai perso e ha quasi sempre vinto. I compagni gli hanno sempre riconosciuto la leadership e anche oggi alla Dacia Arena è andato in scena lo Zlatan show. Secondo quanto riportato da Dazn, infatti, qualche minuto prima che Ibra realizzasse la rete del definitivo 1-2, infatti, lo svedese si sarebbe rivolto al compagno di squadra Diaz dicendogli: "Tu dalla a me la palla", come a dire "Dammela che qualcosa farò succedere" e così infatti è stato.

Il Milan in questo momento guida la classifica di Serie A con 16 punti frutto di cinque vittorie e un pareggio con 14 gol realizzati e solo cinque subiti. I numeri per ora sono dalla parte del Diavolo che con questa fame e questa grinta potrà togliersi diverse soddisfazioni in questa strana stagione in cui Inter e Juventus, per ora, stanno soffrendo e con il solo Napoli di Gennaro Gattuso che sembra in palla proprio come i rossoneri. La stagione, però, è ancora lunga dato che ci sono ancora 32 giornate da disputare e sicuramente qualche difficoltà prima o poi si paleserà visto che fino a questo momento è sempre filato tutto più o meno liscio dalle parti di Milanello.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.