"Tuo figlio deve morire di cancro". Quell'insulto choc dopo la sconfitta

Simy è stato vittima di pesantissimi insulti sui social network. Il nigeriano ha però deciso di denunciare il suo hater postando l'insulto: "Facciamolo diventare famoso perché se lo merita"

"Tuo figlio deve morire di cancro". Quell'insulto choc dopo la sconfitta

I social network, molte volte purtroppo, si trasformano in una fucina d'odio. Ne sa qualcosa l'attaccante nigeriano del Crotone Nwankwo Tochukwu Simy vittima di insulti choc al termine di Crotone-Bologna terminata con il punteggio di 2-3. I calabresi, avanti per 2-0 grazie ai gol di Messias e proprio di Simy, si sono poi fatti raggiungere e superera dalla squadra di Sinisa Mihajlovic che si è così portata a casa i tre punti.

Insulti da brividi

I personaggi famosi, della televisione, del mondo dello spettacolo o dello sport sono spesso presi di mira dagli haters e questa volta come detto è toccato a Simy che ha però deciso di denunciare questi insulti choc postando il tutto sui social con una storia su Instagram: "In Nigeria si deve propagare la peste bubbonica, zingaro di m..., godo che tuo figlio muore per cancro al pancreas". Questo il terribile insulto ricevuto dal 28enne nigeriano che ha però deciso di fatto di esporre alla gogna mediatica il leonea da tastiera in questione: "Facciamolo diventare famoso perché se lo merita".

Non è la prima volta che si verifica un episodio del genere e proprio in casa Crotone con Adam Ounas, algerino in prestito dal Napoli, che due settimane prima era stato oggetto di insulti a stampo razziale. "Ma è giusto tutto questo?", si era chiesto l'ex giocatore del Napoli trovando poi il pieno appoggio e solidarietà da parte del club calabrese che aveva pubblicato un comunicato per esprimere la sua vicinanza al calciatore.

I numeri di Simy

Simy con la rete realizzata ieri al Bologna, che non è purtroppo servita a nulla ai fini del risultato finale, sale a quota 13 reti in campionato e diventa il giocatore nigeriano più prolifico in un'unica stagione del campionato di calcio italiano. Obafemi Martins con l'Inter si era fermato a quota 12 reti.

Nella passata stagione il gigante classe 1992 si era anche laureato capocannoniere in serie B con 20 centri ma per il momento le sue reti non stanno aiutando il Crotone sempre più ultimo in classifica e con lo spettro della retrocessione nel campionato cadetto sempre più vicino. Dieci le partite da disputare fino al termine della stagione. e soli 15 punti messi insieme dalla squadra di Serse Cosmi che è al momento distante 8 punti dal quartultimo posto che vuol dire salvezza

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti