"Ma cosa c'entra mia madre?". Poi scoppia in lacrime in campo

È successo in Lecce-Vicenza di serie B: il difensore sloveno Majer provoca, l’attaccante risponde e poi scoppia a piangere

"Ma cosa c'entra mia madre?". Poi scoppia in lacrime in campo

Gli insulti alla madre che non c’è più e le lacrime in campo. È stata una serata terribile per l'attaccante del Vicenza, Riccardo Meggiorini, e non certo per la sconfitta 2-1 della sua squadra, sempre più ultimo in serie B, contro il Lecce capolista.

A colpire il 37enne scuola Inter è stato quello che è accaduto in campo con Zan Majer, difensore sloveno dei salentini. Nei minuti di recupero della partita (poco dopo il gol dello stesso Meggiorini all’88), le immagini tv hanno mostrato infatti l’attaccante rivolgersi a Majer con un labiale inequivocabile.

La ricostruzione

Finale concitato al Via del Mare per Lecce-Vicenza. Dopo una serie di contrasti al limite, gli animi in campo si sono surriscaldati, con Majer molto nervoso. Il difensore del Lecce dopo aver litigato con alcuni avversari è entrato in rotta di collisione con Meggiorini. Le telecamere hanno mostrato i due battibeccare, con il labiale inequivocabile del vicentino: "Porta rispetto! Cosa c'entra mia mamma?".

Un riferimento dunque ad un possibile insulto diretto alla madre del 36enne ex di Inter, Bari, Torino e Chievo, deceduta nel 2017. Parole quelle di Majer che inevitabilmente hanno ferito profondamente Meggiorini. L'attaccante si è lamentato a più riprese con l'arbitro Guida e poi si è lasciato andare alle lacrime. Inconsolabile poi è stato abbracciato dal difensore avversario Lucioni, che ha provato a tirarlo su.

Poco dopo, al fischio finale, mentre Meggiorini lasciava il campo in lacrime, alcuni giocatori del Vicenza hanno provato a raggiungere Majer per farsi giustizia da soli e vendicare il compagno, ma la situazione è stata tenuta sotto controllo prima che potesse degenerare.

Le scuse a fine partita

Lo stesso Meggiorini nel post-partita ha chiarito tutto nelle dichiarazioni rilasciate per il sito ufficiale del Vicenza: "È volato qualche insulto di troppo, io sono andato a spingere via un loro giocatore, perché c’era stata una rissa a centrocampo. L’ho spinto via per far sì che non litigassero ancora, ma sono volati insulti poco carini e quando si vanno a toccare gli affetti personali, che magari non ci sono più, dà fastidio e sono stato insultato più volte".

Fortunatamente Majer si è comunque scusato, ma l'attaccante non nasconde di aver accusato il colpo: "Però l’importante è che sia venuto a fine partita a chiedermi scusa, almeno ha fatto quel gesto".

Nelle ultime ore, il calciatore sloveno ha pubblicato un post su Instagram in cui porgendo le scuse a Meggiorini:"A volte in campo si dicono cose che non si pensano, solo per agonismo e nervosismo. Ma così come ho fatto personalmente a fine partita a Riccardo, voglio pubblicamente chiedere scusa a Meggiorini. Mi dispiace davvero tanto".

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti