Inter, Conte amaro: "Il gap con la Juventus è evidente"

Antonio Conte ha commentato la sconfitta della sua Inter contro la Juventus: "La differenza tra noi e loro sono i sei punti dei due scontri diretti persi"

Dopo giorni di attesa, polemiche e rinvii, il derby d'Italia è Juventus-Inter è andato in scena in un Allianz Stadium deserto con i bianconeri che hanno vinto con un meritato 2-0 frutto delle reti di Ramsey e Dybala. Al termine del match il grande ex Antonio Conte ha ammesso: "Oggi in classifica, a parte il recupero che abbiamo da giocare, la differenza con la Juve è di 6 punti: il ko dell'andata e del ritorno. Siamo stati bravi a rimanere nella loro scia, però è inevitabile fare considerazioni".

L'allenatore dell'Inter ha poi continuato: "Questa è una sconfitta che deve aiutarci a capire quanto siamo distanti ma senza buttarci nello sconforto, sapevamo del gap con loro ma l'abbiamo tenuto vivo. Però abbiamo perso tutte e due le partite contro di loro e questo è un dato di fatto. A livello di personalità abbiamo ampi margini di crescita, su questo bisogna migliorare se vogliamo competere per obiettivi importanti".

Antonio Conte ha poi fatto un raffronto per mettere in evidenza come le due squadre siano su due piani differenti: "Juventus è una squadra che in otto anni è migliorata di anno in anno, aggiungendo calciatori di grandissimo spessore con palmares importanti. Con me è iniziato un percorso da 7 mesi, nella composizione della rosa cerchiamo di fare del nostro meglio, ma oggi non possiamo fare paragoni con chi in 7 anni ha sempre vinto e dominato e chi sta giocando partite come quella di oggi con obiettivi più alti. Serve pazienza, dobbiamo lavorare e saper implementare anno per anno la qualità per arrivare a questi livelli altissimi raggiunti dalla Juve".

Ora l'Inter dovrà cercare di riordinare in fretta le idee dato che giovedì sera al Meazza, che purtroppo resterà chiuso al pubblico, arriverà il Getafe nell'andata degli ottavi di finale di Europa League. I madrileni sono una squadra temibile, compatta e di qualità, ed occupato il quarto posto a un punto dal Siviglia terzo e con un punto di vantaggio sull'Atletico Madrid di Diego Pablo Simeone scivolato al quinto posto in Liga. Serviranno due gare serie per riuscire a staccare il pass per i quarti di finale di Europa League che ora diventa il grande obiettivo dei nerazzurri che hanno l'ultima grande chance per tentare di arrivare in fondo ad una competizione importante per non lasciare ancora vuota la bacheca di viale della Liberazione.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Mario5009

Lun, 09/03/2020 - 10:34

Presuntuoso esaltato.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Lun, 09/03/2020 - 12:37

Perchè prima non lo era ?

COSIMODEBARI

Lun, 09/03/2020 - 13:57

E' già da maggio scorso il nuovo Lippi all'Inter. Inter e Juve hanno giocato sino a ieri sera entrambe 26 partite. La Juve ne ha vinte 20, l'Inter di Conte ne ha vinte 16. Eppure lui ieri sera nel post partita ha detto che i 6 punti di differenza tra le due squadre dipendono dalle due sconfitte dell'Inter negli incontri diretti. Mi auguro che il presidente dell'Inter, da buon Cinese con i piedi per terra e con la testa alle onestà prenda atto di questa dichiarazione e ne faccia tesoro al più presto possibile. Per non dire del gap di cui lui parla, perchè se gap tecnico individuale dei calciatori deve essere menzionato, l'unico a farlo è Inzaghi della Lazio, che gioca con una squadra dalle medie qualità tecniche rispetto a quelle alte dell'Inter e della Juve. 12 milioni annui per essere Spalletti

hellas

Lun, 09/03/2020 - 14:49

Molto semplicemente: l'Inter di Conte in questa stagione ha cannnato tutti, assolutamente tutti , gli obiettivi....poi Conte passa per un grande allenatore e un motivatore.....misteri....

schiacciarayban

Lun, 09/03/2020 - 17:26

Era facile giocare con la Juve eh? La Juve è una grande squadra, una grande società, vince anche con Sarri, figuriamoci iìun po'...

caren

Lun, 09/03/2020 - 19:19

Certo che si, schiaccia, come dici tu. Poi però, a livello europeo, restano sempre a mani vuote, figuriamoci un po'...

ARGO92

Mar, 10/03/2020 - 14:08

IL GAP E EVIDENTE FRA CONTE E UNA PERSONA INTELLIGENTE CIUCCIO NARCISO ARROGANTE

Libero 38

Mar, 10/03/2020 - 15:03

In Italia ci sono due conte. Uno al governo e uno nel calcio.Entrambi spavaldi.Quello al governo vuol fra credere agli italiani che l'italia e'in buone mani,quello nel calcio che ha fatto spendere oltre 200 milioni di euro ai cinesi per far vincere lo scudetto all'inter.