Inter, lo strano caso di Gabigol: segna tanto ma nessuno lo vuole

Il brasiliano Gabigol continua ad incantare in patria con la maglia del Flamengo con dieci gol in dieci presenze. In Europa però nessuno lo vuole, con l'Inter che ha un problema da 30 milioni di euro da risolvere

Inter, lo strano caso di Gabigol: segna tanto ma nessuno lo vuole

Gabigol è uno dei più grandi misteri del calciomercato degli ultimi anni. Il giocatore di proprietà dell'Inter, infatti, continua a segnare a raffica in patria ma non riesce ad essere piazzato in maniera definitiva dal club nerazzurro, che sta continuando a prestarlo in giro per il mondo. Il classe '96 arrivò in Italia nel 2016 con l'Inter che lo pagò 30 milioni di euro battendo la concorrenza del Barcellona. Il brasiliano, però, mise insieme solo dieci presenze, nove in campionato condito da una rete e una in Coppa Italia e l'anno successivo fu ceduto in prestito al Benfica, dove fece ancora peggio con sole cinque presenze e un gol in pochi mesi.

Gabigol fa ritorno in patria al suo Santos con cui segna 27 gol in 53 presenze, mentre nel gennaio di quest'anno viene ceduto sempre in prestito secco al Flamengo, che si è preso interamente a carico il suo ingaggio da tre milioni di euro ma che ha strappato all'Inter un indennizzo del 5% sulla futura rivendita del brasiliano. Gabigol ha un contratto in scadenza con il club di viale della Liberazione fino al 30 giugno del 2022. Come detto il 22enne di Sao Bernardo do Campo continua a segnare e con il club rossonero del Flamengo ha messo insieme dieci gol in dieci presenze più due assist tra campionato e coppa.

Nonostante i suoi numeri pazzeschi in Brasile nessuno vuole acquistare in via definitiva Gabigol, né in Brasile, né in Europa, né in nessun altro campionato: questo è un bel problema da oltre trenta milioni di euro per l'Inter.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica