L'Inter si fa rimontare dal Borussia. E Conte sbotta con la società

La doppietta di Hakimi e il gol di Brandt hanno permesso al Borussia Dortmund di ribaltare l'Inter andata in rete nel primo tempo con Lautaro Martinez e Vecino. Ora la qualificazione agli ottavi di finale di Champions si fa dura

L'Inter di Antonio Conte gioca un ottimo primo tempo in casa del Borussia Dortmund, va in vantaggio per 2-0 con i gran gol di Lautaro Martinez e Vecino ma poi si fa riprendere dalla veemenza e della freschezza dei gialloneri che nella ripresa segnano tre gol e vincono la partita. Lo scatenato Hakimi, autore di una doppietta, e Brandt hanno spento i sogni di gloria dei nerazzurri che pregustavano di tornare a Milano con tre punti d'oro che avrebbero praticamente qualificato l'Inter agli ottavi di finale. La squadra meneghina è parsa stanca e senza idee nella ripresa e la pausa per le nazionali arriva forse nel momento migliore per tirare un po' il fiato e riflettere. Con questa sconfitta l'Inter resta ferma a quota 4 punti a più due sullo Slavia Praga ultimo a quota 2 ma oggi autore di un ottimo 0-0 sul campo del Barcellona primo nel girone con 8 punti, Borussia Dortmund secondo a sette. Nel prossimo turno l'Inter dovrà battere lo Slavia a domicilio sperando che il Barcellona faccia lo stesso in casa contro i tedeschi. Nell'ultimo turno poi i nerazzurri ospiteranno il Barcellona mentre i gialloneri chiuderanno in casa contro i cechi. La strada che porta agli ottavi si fa in salita per la squadra di Conte.

L'Inter passa subito in vantaggio al 5' con la grande azione individuale di Lautaro Martinez che sfrutta l'uscita a vuoto di Akanji sul lancio lungo, resiste al difensore avversario e poi batte Burki. Al 17' il Borussia ci prova con il colpo di testa di Goetze ben servito da Hakimi con Handanovic che salva tutto. Lukaku prende il palo al 23' e al 29' è ancora il belga a tentare la conclusione in porta ma viene chiuso dalla difesa di casa. L'Inter raddoppia al 40' con Vecino che arriva a rimorchio sul cross di Candreva da destra e batta ancora Burki. Bella azione orchestrata da Brozovic e Lautaro in principio. Handanovic salva tutto su Sancho al 45' e si va al riposo sul 2-0 per l'Inter. Il tiro di Witsel al 46' termina fuori di un soffio.

Nella ripresa il Dortmund entra in campo con un altro piglio, mette alle corde l'Inter e al 51' trova il pareggio con il tiro sporco di Hakimi che riceve l'assist di Goetze e fa secco Handanovic. Passa un minuto e Sancho impegna il portiere dell'Inter con un tiro cross violento e ben respinto dallo sloveno. Brandt non ci arriva di un soffio al 55' sull'assistenza di Witsel e un minuto dopo Brozovic ci prova con un destro dalla distanza ma Burki blocca in presa sicura. Il Dortmund si rende ancora pericolo al 61' con un tiro cross al veleno: si salva la difesa nerazzurra. L'Inter al 64' regala il gol del pareggio a Brandt con Candreva-Brozovic e Godin distratti su una propria rimessa laterale. Witsel svetta di testa al 68' e la mette fuori di un soffio. La rimonta del Borussia si completa al 77' con Hakimi che riceve palla da Sancho e batte ancora Handanovic. Grande azione dell'Inter al 90' con Sensi che arriva al tiro centralmente: para Burki.

Il tabellino

Borussia Dortmund: Bürki; Hakimi, Akanji, Hummels, Schulz; Weigl, Witsel; Sancho, Brandt, T.Hazard (88' Guerreiro); Götze (64' Paco Alcacer)

Inter: Handanovic; Godin, De Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino(67' Sensi), Brozovic, Barella, Biraghi (65' Lazaro); Lukaku (73' Politano), L. Martinez.

Reti: 5' Lautaro Martinez (I), 40' Vecino (I), 51' e 77' Hakimi (B), 64' Brandt (B)

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

COSIMODEBARI

Mer, 06/11/2019 - 11:08

SE c'è qualcuno che deve sbottare è la società contro il suo mister. Dopo aver speso soldi pesanti per accontentare i desideri del Mister, si ritrov in Champions un gradino sotto a cui si ritrovava dopo 4 partire con Spalletti il Nulla che non aveva Lukaku, Barella, Biraghi, Lazaro, Sensi e Golin, ma pure Lautaro che seppure già nel parco calciatori veniva quasi mai utilizzato da Spalletti il Nulla. Comunque è sempre così, colui che è sopra valutato non conosce mai vergogna, è sempre colpa degli altri, siano qiesti persone oppure l'imponderabile. Su 9 gol segnati in campionato da Lukaku (83 milioni di euro) soltanto uno è un gol vero, quello contro il Sassuolo. Se finirà in Europa Legue di certo non avrà i suoi altri nuovi desiderati calciatori.

Ritratto di Cali85

Cali85

Mer, 06/11/2019 - 11:18

Alla fine è una squadra che da delle soddisfazioni !!!