Maignan si opera oggi. I tormenti del dopo Gigio spaventano il Milan

Il francese rischia fino a un mese di stop per i guai al polso sinistro. Tocca a Tatarusanu

Maignan si opera oggi. I tormenti del dopo Gigio spaventano il Milan

Un'altra tegola piomba sul Milan. Mike Maignan si ferma per almeno un paio di settimane ma il rischio è che Pioli debba fare a meno del portiere francese anche per un mese. Maignan sarà operato oggi in artroscopia al polso sinistro e i tempi di recupero precisi saranno valutati soltanto dopo l'intervento. Da settimane, dopo un rigore parato a Salah, il numero uno che sta facendo dimenticare Donnarumma ai tifosi rossoneri, conviveva con un forte dolore e l'ultimo consulto cui si è sottoposto ieri ha portato all'esito più nefasto per il Milan. Nell'idea della dirigenza Maignan dovrebbe recuperare prima della sosta per le Nazionali prevista il prossimo 12 novembre ma data la delicatezza della zona interessata, le previsioni lasciano il tempo che trovano. E in un momento già delicato del campionato, con il Milan ripartito alla grande in campionato e a un passo dalla vetta della classifica, e con la Champions League in cui deve riscattare il doppio ko con Liverpool e Atletico Madrid, non si può rimanere scoperti. Ecco perché se col Verona toccherà al rumeno Tatarusanu difendere la porta, la società ha già bloccato lo svincolato Antonio Mirante, l'ultima stagione alla Roma: oggi visite mediche e firma sul contratto. Anche considerando che il terzo portiere, il promettente Plizzari, è anche lui ai box dopo un intervento al ginocchio. Mirante quindi, per evitare possibili rischi sul breve e medio termine.

Quel che è certo è che lo stop di Maignan è una pessima notizia per Pioli, non solo perché l'avvio di stagione del francese è stato di altissimo livello con un rendimento costante che lo ha fatto diventare in brevissimo un idolo per la tifoseria milanista. Sicuro tra i pali, bravo con i piedi e capace di dare sicurezza al reparto. Il massimo che si possa chiedere a un portiere. Ma non è solo questo. Il tecnico rossonero ha dovuto far fronte a una vera emergenza infortuni in questa prima parte di stagione con Ibrahimovic vittima di un problema al ginocchio e la guarigione post operazione che va a rilento, tanto che Zlatan salterà anche il Verona. Ma anche Calabria, Daniel Maldini e ultimo Messias hanno dei guai fisici mentre dovrebbe essere pienamente recuperato Giroud, pronto a prendersi l'attacco in attesa del rientro di Ibra.

Adesso però in casa rossonera si fanno gli scongiuri: perdere Maignan è una brutta botta, la speranza di società e tifosi è che il francese si fermi solo per 15 giorni come nelle migliori aspettative. Perché va bene la fiducia in Tatarusanu. Va bene anche l'esperienza di Mirante. Ma per una squadra che ambisce ai traguardi cui punta il Milan, il magic Mike visto finora è un portiere imprescindibile.

Commenti