Max fa suo anche il sabato. La Ferrari deve inseguire

Verstappen pole davanti a un sorprendente Alonso. Sainz terzo, Leclerc cambia il motore e parte penultimo

Max fa suo anche il sabato. La Ferrari deve inseguire

Max Verstappen non ha perso l'occasione. Si è preso la pole e ha messo 18 auto tra sé e Leclerc che scatterà in ultima fila. Super Max non era mai scattato davanti a tutti in Canada. Mentre Perez finiva a muto in Q2 (scatterà in 13esima posizione), lui ha trovato subito il feeling con la sua Red Bull prima con le full wet e poi con le Intermedie. La pista si è asciugata progressivamente, ma solo Russel ha giocato il jolly montando gomme da asciutto. Un rischiatutto che gli fa onore, ma non lo ha portato da nessuna parte se non nell'erba. Verstappen si è migliorato fino all'ultimo, scavando un distacco abissale con il resto del mondo. La sorpresa vera è stato Fernando Alonso che con una magia delle sue si è piazzato in prima fila dieci anni dopo l'ultima volta a 0645 da Max. Un'impresa vera. In certe condizioni il talento dei piloti fa ancora la differenza e non è un caso che là davanti con Alonso ci sia anche Lewis Hamilton, il vecchio mago della pioggia, che si è piazzato quarto.

Ci si poteva attendere il guizzo della Ferrari di Sainz, ma Carlos non è andato oltre il terzo posto, staccato di 0797 dalla pole. Un po' troppo anche perché in condizioni incerte di solito riesce a esprimersi meglio. Dovrà provarci in gara. La Ferrari punta tutto su di lui per tentare di andare a disturbare Verstappen. La gara si annuncia asciutta e c'è da scommettere sull'attacco di Alonso a Max. Non resterebbe che approfittarne. «Mi sentivo bene in condizioni di bagnato totale, ma nell'ultimo giro con la pista che si asciugava un po' ho sbagliato nell'ultimo settore quando ho tentato di forzare».

Leclerc ha disputato le Q1 per fare qualche giro e mettere dietro almeno Tsunoda sullo schieramento. Partirà 19°. L'obbiettivo è uno solo: fare più punti possibile. «Venerdì ho visto che sarà più difficile del previsto sorpassare, ma cambiare tutta la power unit era la scelta giusta. I punti sono importanti, ma io darò tutto come al solito». Dopo 8 gare in prima fila scivola in fondo. Ovviamente non per colpa sua. Ma ricominciare a finire le gare sarebbe già un bel segnale. Ma certo fa rabbia pensare a come si sarebbe divertito Charles in un'ora di qualifica così pazza, Si è divertito, finalmente anche il piccolo Schumi, fantastico sesto con una Haas tutta in terza fila.

Così in griglia:

1 Verstappen; 2 Alonso; 3 Sainz; 4 Hamilton; 5 Magnussenn 6; Schumacher; 7 Ocon; 8 Russell; 9 Ricciardo; 10 Zhou; 11 Bottas; 12 Albon; 13 Perez; 14 Norris; 15 Gasly; 16; Vettel; 17 Stroll; 18 Latifi; 19 Leclerc; 20 Tsunoda.

Commenti