Milan fermato dal Genoa. Resta in vetta ma l'Inter è a -1

L'ex Destro illude Maran, i difensori del Milan rispondono. Secondo pareggio consecutivo per la squadra di Pioli, che esce con un punto da Marassi dopo aver riagguantato per due volte un buon Genoa

A Marassi tra Genoa e Milan finisce 2-2. Secondo pareggio consecutivo per i rossoneri, dopo il pari casalingo con il Parma. A segno Mattia Destro con una doppietta per i padroni di casa, i difensori Calabria e il giovane Kalulu per i rossoneri. Il MIlan inizia a pagare le fatiche dei tanti impegni ravvicinati e le assenze, su tutte quella di Ibrahimovic. Tuttavia resta al comando e mantiene l'imbattibilità in campionato, ma deve guardarsi le spalle: se la distanza dalla Juve resta di quattro punti, l'Inter vittoriosa con il Napoli si avvicina a -1.

"È un Milan he non molla mai", commenta a caldo Stefano Pioli, allenatore rossonero, ai microfoni di Sky "Le partite vengono decide dagli episodi, era una gara equilibrata loro hanno chiuso bene sulle fasce e noi abbiamo fatto fatica a sviluppare il nostro gioco. Abbiamo provato fino alla fine a vincere, non ci siamo riusciti e adesso pensiamo alla prossima. Le qualità delle nostre prestazioni è stata molto alta, basta guardare la classifica. aldilà delle assenze abbiamo tante armi a disposizione, anche oggi abbiamo fatto 2 gol. Ora è un momento in cui dobbiamo stringere i denti, mancano 2 partite alla sosta e dobbiamo pensare a chiudere bene l'anno".

"La cosa positiva è che usciamo dal campo anche arrabbiati, volevamo una vittoria, l'abbiamo cercata", dice Rolando Maran, allenatore del Genoa. "È sintomo che la mentalità sta cambiando, i ragazzi stanno cercando di uscire da una situazione difficile. Lo stanno facendo nel migliore dei modi. Avevo chiesto uno scatto in più e la squadra ha risposto", ha spiegato ai microfoni di Sky Sport. "Il mercato di gennaio? Adesso dobbiamo concentrarci su queste gare, arrivarci carichi e con questa mentalità. Gli altri ragionamenti adesso non è il caso di farli. Ai ragazzi chiedo di essere sul pezzo e non guardare la classifica. Stiamo crescendo e i risultati sono tangibili, ora questa crescita deve continuare".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.