Milan, lo "juventino" Commisso fa sul serio: "Voglio chiudere l'affare"

In un'intervista alla Gazzetta dello Sport, l'imprenditore italo-americano Rocco Commisso ha ammesso di essere interessato a rilevare la società rossonera: "Voglio chiudere l'affare". E confessa: "In passato ho tifato Juventus"

"Io voglio chiudere questo affare, ma non ci siamo ancora. Eravamo vicinissimi a firmare un precontratto. Sono fiducioso? Non controllo il risultato". Non si nasconde, Rocco Commisso. L'imprenditore italo-americano, dal suo studio di Manhattan, in un'intervista alla Gazzetta dello Sport ha ammesso il suo interesse per il Milan. "Quel ragazzo di nome Gattuso mi piace molto. Ho i soldi, ho giocato a calcio e conosco bene questo sport. La mia squadra preferita? In passato sono stato tifoso della Juve".

Grande è la confusione sotto al cielo rossonero. Quindi la situazione è eccellente. È quanto pensa l'imprenditore di origini calabresi Rocco Commisso, che ha ammesso di essere molto interessato all'acquisto del Milan. "Io voglio chiudere questo affare, ma non ci siamo ancora. Eravamo vicinissimi a firmare un precontratto. Sono fiducioso? Non controllo il risultato", ha detto Commisso, prima di frenare: "Devo stare attento a quello che dico, perché la maggior parte di questa negoziazione è privata". 4,5 miliardi di dollari di patrimonio, già proprietario dei New York Cosmos, Commisso ha spiegato che la questione del mancato rimborso dei 32 milioni di euro che il presidente rossonero Yonghong Li deve al fondo Elliott rischia di complicare l'affare. "Non sappiamo quale strada verrà percorsa da mister Li con mister Singer (proprietario del fondo Elliott), difficile prevedere come si concluderà questa vicenda. Fino a quando qualcuno non mi dirà qualcosa di diverso, penso che il Milan sia ancora in mano a mister Li. Probabilmente dovrà affidarsi a un tribunale. Ma finora il proprietario è lui. Se tratterò con lui? Non lo so. Dobbiamo prima capire chi è che tratta per lui", ha aggiunto Commisso, prima di fare i complimenti al tecnico rossonero Gennaro Ivan Gattuso. "Quel ragazzo piace molto. Quando giocavo su questo stesso prato per la Columbia ero come lui. Beh, sicuramente non così bravo, ma ero molto fisico e poi siamo entrambi calabresi", ha scherzato il proprietario di Mediacom.

Che si è concesso il divertissement di immaginare i suoi primi giorni da presidente rossonero. "Prima cosa che farei come proprietario del Milan? Dovrò metterci tanto impegno: non mi presenterò in Italia pensando di sapere già tutto o più degli altri che sono lì da tanto tempo. Dovrò studiare, ma sono uno che impara in fretta", ha spiegato Commisso, che appare un profilo credibile per sostituire Yonghong Li. Anche se ai tifosi rossoneri non piacerà la confessione dell'imprenditore di origini calabresi sulla sua precedente fede calcistica. " Tifavo Juventus, ma la squadra va molto bene e non ha bisogno di me".